20.05.2012    Emilia Romagna

"Due ruote, una vita": parte una campagna regionale per la sicurezza dei motociclisti

Mentre negli ultimi 10 anni il numero complessivo dei morti e dei feriti sulle strade si è praticamente dimezzato, altrettanto non si può dire per la categoria dei motociclisti. Da questo allarmante presupposto nasce “Due ruote, una vita”, una campagna di comunicazione e sensibilizzazione per la riduzione degli incidenti stradali dei motociclisti in Emilia-Romagna, promossa dall’Osservatorio per l’educazione stradale e la sicurezza della Regione.

Oggi, il 25% delle persone uccise o ferite in incidenti stradali, in Italia come in Emilia-Romagna, viaggia in sella a una moto (nel 2001 erano 1 su 10). In un incidente stradale su tre è coinvolto un motoveicolo e una vittima della strada su quattro muore in un incidente in cui è coinvolto un tale veicolo. I mesi in cui la mortalità dei motociclisti è più elevata sono ovviamente quelli estivi, in cui più frequente è l’utilizzo delle due ruote.

La fascia di età in cui si concentra il maggior numero di decessi è quella dei giovani adulti, tra i 30 e i 44 anni, e ben 9 vittime su 10 sono uomini. Nel 2010 in Emilia-Romagna su 401 morti sulle strade 91 sono stati motociclisti (l’80% di loro in scontri tra più veicoli), 3387 i feriti. Nei centri urbani nel 2010 le vittime sono state 36 e 55 nelle aree extra-urbane.

La campagna “Due ruote, una vita” ha quindi l’obiettivo di far comprendere a tutti gli utenti della strada che chi va in moto è molto vulnerabile. I motociclisti sono ovviamente i primi a dover prestare maggiore attenzione alle regole adottando comportamenti responsabili, ma sono fondamentali anche maggiore consapevolezza, conoscenza delle caratteristiche dei singoli mezzi e rispetto da parte di tutti coloro che condividono le strade: automobilisti, scooteristi, ciclisti, pedoni ed autisti di mezzi pesanti.

La campagna è stata presentata questa mattina nella sede della Regione Emilia-Romagna, a Bologna, presenti tra gli altri l’assessore regionale alla Mobilità, Alfredo Peri, Emanuela Bergamini Vezzali presidente dell’Osservatorio regionale per l’educazione stradale e la sicurezza, rappresentanti dei partners nel progetto.
“Questa campagna – ha commentato l’assessore Alfredo Peri – si colloca nell’ambito di un lungo lavoro che la Regione Emilia-Romagna ha avviato anni fa sui temi della sicurezza e della responsabilità nelle strade. Abbiamo in particolare investito parecchio sul mondo scolastico, introducendo l’educazione stradale nel percorso formativo di migliaia di ragazzi, con risultati soddisfacenti, così come abbiamo agito anche a livello infrastrutturale. Oggi, è importante che questi messaggi che veicoliamo trovino diffusione in luoghi di primo piano per la cultura motociclistica, quali i raduni”.

“Sulla strada usiamo la testa” è il messaggio di fondo presente in tutti gli strumenti utilizzati dalla campagna: i manifesti “Salviamoci la pelle” e “Testa o Croce?”, ad alto impatto emotivo, che verranno distribuiti a Comuni, Asl, Prefetture, Motorizzazioni, Polizia stradale e nei Motoclub dell’Emilia-Romagna, insieme alla cartolina “Born to be wild”, dedicata ai ragazzi delle scuole superiori per parlare ai futuri utenti del mezzo. Oltre ai manifesti e alla cartolina i messaggi della campagna saranno diffusi tramite spot audio trasmessi da emittenti radiofoniche locali.
Inoltre “Due ruote una vita”, per tutto il 2012 e sino alla primavera del 2013, toccherà tutte le province dell’Emilia-Romagna per andare là “dove batte il cuore” dei motociclisti. In particolare sarà presente in alcune manifestazioni del Trofeo Turistico Regionale FMI e ai più prestigiosi eventi motociclistici internazionali in programma in Emilia-Romagna, quali le prove di Superbike in regione e il World Ducati Week a Misano Adriatico, dove presso il punto informativo della campagna saranno distribuiti i depliant dell’iniziativa e si ricorderà a tutti di “usare la testa”, come recita uno slogan adottato.

Partners della Regione nella campagna sono la Federazione Motociclistica Italiana – Comitato Regionale Emilia-Romagna, che offre ospitalità presso i propri motoraduni; la Fondazione Ducati, che ospiterà nei propri eventi il punto informativo della campagna; Shell Italia, che metterà a disposizione le proprie stazioni di rifornimento per la distribuzione dei materiali della campagna; Radio LatteMiele, che trasmetterà gli spot audio e darà copertura informativa alla campagna.
In un’apposita sezione del sito web dell’Assessorato alla Mobilità della Regione sarà possibile restare in contatto con la campagna “Due ruote, una vita” e seguirne le tappe e gli eventi che si terranno in regione nel corso del 2012 e del 2013.
Per la realizzazione di “Due ruote, una vita” la Regione si è avvalsa di Ex-Press Comunicazione.

Eventi motociclistici 2012 in cui sarà presente “Due ruote, una vita”
Domenica 27 maggio - Motoraduno “La Corte dei vini” a Diegaro di Cesena (FC), in collaborazione con il moto club Palo Tordi.
Domenica 10 giugno – Superbike World Championship all’autodromo di Misano Adriatico (Rn), in collaborazione con Ducati.
Domenica 17 giugno - Motoraduno Nazionale d'Eccellenza "Città di Ferrara" in piazza Ariostea a Ferrara, in collaborazione con il Motoclub Estense.
Domenica 24 giugno - World Ducati Week presso il circuito di Misano Adriatico (Rn).
Domenica 29 luglio - Marasma Motor Fest a Codisotto di Luzzara (RE), in collaborazione con il Motoclub “Un Po di Alluccinati”.
Domenica 26 agosto – Motoconcentrazione a Crevalcore (Bo), in collaborazione con Motoclub Crevalcore.
Domenica 9 settembre - Castelfranco Emilia (Mo): Motoraduno del tortellino, in collaborazione con Motoclub Crevalcore.
21-23 settembre – 200 Miglia Imola Revival, autodromo di Imola (Bo).
Sabato 20 ottobre - Festa Bikers a Ziano Piacentino (Pc), in collaborazione con Big Twin Italy.



Archivio »

Editoriali Archivio  »

Quando il record è negativo

Demo Abbiamo speso fiumi di parole su quella che da ormai tanti, troppi anni è la situazione economica del bel Paese, dell’Ue e del mondo. Abbiamo analizzato i perch....

Ultimo numero

  • Job opportunity
  • Viaggio alla scoperta delle professionalità nelle aree portuali Case History sul porto di Ancona