15.02.2011    nucleare

Eusebi: più sicurezza, più responsabilità

Eusebi Impianti, azienda principale del Gruppo Eusebi di Ancona da oltre 30 anni si occupa di antincendio. Un team propositivo di ingegneri e tecnici specializzati lavora per fornire impianti tecnologicamente sempre più innovativi e sicuri, come dimostrano le certificazioni ISO 9001, ISO 14001, BS OHSAS 18001, SA 8000, ATEX 94/9/CE e PED97/23 CE.
L’alta professionalità ha portato l’azienda a varcare i confini nazionali, lavorando in Europa in ambiziosi progetti fra i quali la realizzazione di impianti antincendio nella centrale nucleare della Slovenske Elektrarne a Mochovce, nella Repubblica di Slovacchia.

“La centrale di Mochovce - spiega Giacomo Simonetti, responsabile del progetto per Eusebi Impianti - si trova a sud della Slovacchia, tra le città di Nitra e Levice. E’ stata costruita nel 1998 ed è composta da due reattori nucleari del tipo WWER in grado di generare 880 MW di potenza. Nel 2008 sono iniziati i lavori per il raddoppio della centrale, con la costruzione delle unità 3 e 4 che entreranno in funzione nel 2013.

Si tratta, pertanto, di un sito importante, la cui produzione deve essere tutelata da un efficiente sistema di sicurezza antincendio.
Infatti, il rischio più grave, in cui una centrale può incappare, è quello di un mal-funzionamento all’interno del sito che generi una combustione. Se l’incendio si estendesse fino alla zona di processo di produzione, all’area del nucleo, gli effetti sarebbero disastrosi.
Ecco perché un efficace sistema antincendio è indispensabile per proteggere l’isola nucleare, non solo dal fuoco, ma anche in caso di terremoti o urti violenti.

Proprio a questo proposito - continua Simonetti - la nostra azienda propone una vasta gamma di impianti in grado di rispondere alle aspettative, come il sistema a estinguente gassoso C02, destinato a proteggere le aree di stoccaggio del materiale radioattivo e il sistema FM200 destinato alla salvaguardia dell’isola nucleare”.

“Un discorso a parte - afferma Massimo Ferretti, proposal manager del progetto si deve fare per i tunnel cavi della centrale nucleare che costituiscono aree estese, distribuite capillarmente e particolarmente sensibili al rischio d’incendio. Il sistema Water Mist, un impianto progettato e installato dalla Eusebi Impianti s.r.l., è risultato il più idoneo per la messa in sicurezza di questa area.

Si tratta di un sistema ad acqua nebulizzata che lavora a una pressione compresa tra i 100 e 120 bar ed è dotato di un particolare sistema di ugelli erogatori in grado di nebulizzare l’acqua in gocce piccolissime.

Queste riescono a spegnere il fuoco attraverso la combinazione di tre effetti principali quali l’azione di raffreddamento ad opera delle particelle d’acqua che, per effetto delle loro dimensioni ridotte evaporano velocemente sottraendo energia termica; l’azione di inertizzazione dovuta al vapore acqueo che, come gas inerte partecipa al controllo e alla soppressione dell’incendio e infine l’azione di schermatura operata proprio dalle particelle d’acqua nebulizzata che sono in grado di assorbire l’energia radiante sprigionata dal fuoco e, quindi, impedire il propagarsi dell’incendio.

Oltre che un sistema fortemente innovativo - aggiunge ancora  Ferretti - il Water Mist rispetta tutti gli standard di sicurezza imposti dal governo slovacco, standard che sono estremamente più restrittivi di quelli del nostro Paese.

Specificatamente, il Water Mist ha ottenuto le certificazioni della Safety Class per garantire le tubature all’interno dell’area nucleare e del Sismic Resistant che assicura la persistenza dell’impianto anche dopo un terremoto. Da non dimenticare i vantaggi dal punto di vista economico e ambientale.

Il sistema Water Mist utilizza molta meno acqua rispetto ad altri impianti di sicurezza e ciò permette di eliminare il costo e l’ingombro di grandi serbatoi di stoccaggio. Inoltre, in caso di azione di agente estinguente, la quantità d’acqua contaminata è ridotta. Quindi più sicurezza per le persone e rispetto dell’ambiente e territorio”.

Eusebi: more safety, more responsibility
Eusebi Impianti, the main company of the Eusebi Group, with more than 30 years of experience in the field of fire fighting. The high professionalism has carried the company to cross the national borders, working in Europe in ambitiousness plans for example the fire fighting systems in the power station of Slovenske Elektrarne in Mochovce, in the Republic of Slovakia. “The central of Mochovce - Giacomo Simonetti explains, manager for Eusebi Systems plans- is at south of Slovakia, among the cities of Nitra and Levice and is composed from two nuclear reactors WWER type, generating 880 MW of power. In 2008 the intense activities for the doubling of the station are begun with the construction of 3 and 4 units that will be in use in 2013.
For this reason the fire fighting system must be safe. About this matter - Simonetti continues our company proposes a great range of systems that can answer to all the expectations, as the gas extinguishing agent C02, that is able to protect the storage areas of the radioactive material and the system FM200 for the safeguard of the nuclear island". "A separate speech – Massimo Ferretti proposal manager of the plan, asserts - for the hollow tunnels of nuclear station that create wide areas, widespread and particularly sensitive at the fire risk. The Water Mist system is planned and installed by Eusebi Systems s.r.l., it’s most suitable for the safety of this area. It’s a system that operates at a pressure of between 100 and 120 bar, and is fitted with spe¬cial distributor nozzles which sprinkle water in tiny droplets. The spraying of micro drops of water have a total extinguishing action on the fire. “The system is very innovative-Ferretti adds – in fact the Water Mist has obtained the certifica¬tions of Safety Class to guaran¬tee the piping in the nuclear area and the Seismic resistant certificate that assures the stabi¬lity of system also after the earthquake".


www.eusebi-impianti.it

Rachele Bifolchi



Archivio »

Editoriali Archivio  »

Il potere delle forbici

Demo Quante sono le Autorità Portuali in Italia? Risposta 24. Sono poche? Troppe? Sono tutte necessarie? Domande legittime quando, in una fase storica come questa, ....

Ultimo numero