Energia: nuova centrale per l’ospedale di Udine

839

E\’ stato presentato pubblicamente nel corso del convegno \”Le sfide energetiche della sanità in Friuli Venezia Giulia – L\’esempio di Udine\”, aperto nell\’Auditorium dellaRegione di Udine dall\’assessore alla Funzione pubblica Andrea Garlatti, il progetto per la centrale tecnologica che sarà realizzata per l\’Azienda ospedaliero-universitaria S. Maria della Misericordia del capoluogo friulano. Si tratta del primo esempio, in Italia, di cooperazione tra istituzioni per la realizzazione di un progetto di sistema che ottenga efficienza energetica a vantaggio dell\’ospedale e della città. Grazie alla rete di teleriscaldamento che verrà realizzata, si otterrà una riduzione dell\’11 per cento di consumi di energia con il conseguente calo del 32 per cento di emissioni di anidride carbonica in atmosfera: l\’impianto di cogenerazione alimentato da fonti rinnovabili consentirà una riduzione annua di 16.400 tonnellate di anidride carbonica (CO2). E\’ stato calcolato che se un\’operazione analoga venisse progettata e realizzata anche negli altri grandi ospedali della regione comporterebbe un risparmio energetico di 20 mila tep (tonnellate equivalenti di petrolio) all\’anno ed una riduzione di emissione di CO2 di 50 mila tonnellate. Il progetto – con un investimento complessivo di 97 milioni di euro – nasce da un\’idea dell\’Università, grazie all\’attuazione dell\’accordo di programma stipulato nel 2006 tra Comune di Udine, Azienda ospedaliera ed Ateneo. Nell\’ambito dell\’appalto aggiudicato all\’Ati costituita da Siram spa, Rizzani De Eccher spa, Arco lavori Scc e Cooperativa Cpl Concordia per la costruzione e gestione di una centrale tecnologica, di un impianto di cogenerazione e di un centro servizi e laboratori per il fabbisogno termico ed elettrico del Santa Maria della Misericordia, è previsto che venga realizzata anche un\’importante rete di teleriscaldamento che fornirà calore a 39 grandi utenze in modo da poter eliminare le caldaie di 17 istituti scolastici e 16 condomini. I lavori, che inizieranno entro un mese, dureranno due anni. Ad introdurre oggi i lavori del convegno, moderato dal giornalista Maurizio Melis, sono stati oltre all\’assessore regionale Garlatti, il sindaco di Udine Furio Honsell, il rettore dell\’Ateneo friulano Cristiana Compagno, il presidente della Provincia Pietro Fontanini, il direttore generale dell\’Azienda ospedaliero universitaria S. Maria della Misericordia Carlo Favaretti e Gioacchino Nardin, delegato all\’Energia dell\’Università di Udine.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here