Donati: riorganizzazione gestione acqua, ma no ai rifiuti campani

523

Sandro Donati, assessore della Regione Marche alla Gestione dei Rifiuti e alle Risorse Idriche, fa il punto sullo stato di attuazione della riorganizzazione dei servizi pubblici locali. La legge Finanziaria 2010 ha previsto che entro il 31 dicembre prossimo le Regioni individuino e attribuiscano le funzioni delle Autorità d’Ambito esistenti. “A riguardo – chiarisce l’assessore Donati – tutte le ipotesi che stanno circolando, da quella di una nuova Agenzia regionale alla Convenzione fra Enti Locali, all’attribuzione alle Province, sono solo ipotesi sulle quali stanno lavorando gli Uffici. Nulla è stato deciso in sede politico-istituzionale dalla Giunta regionale e dalla maggioranza. Si stanno ipotizzando soluzioni diverse perché è mia intenzione avviare su di esse un confronto con Comuni e Province per giungere a definire una proposta che sia condivisa nel modo più ampio possibile, nell’ottica di valorizzare le positive esperienze esistenti e i territori”. Il problema è quanto mai complesso, tant’è che la Conferenza delle Regioni ha avviato, al proprio interno, un tavolo tecnico al quale partecipa fattivamente anche la Regione Marche. “In ogni caso – conclude l’assessore – la Regione intende riconoscere un ruolo decisionale agli Enti Locali, in un contesto di leale collaborazione, per perseguire una unitaria strategia di governance dell’ambiente”. Il termine del 31 dicembre 2010 potrebbe essere prorogato dal Governo, così come richiesto da alcune Regioni: in mancanza della proroga, saranno prodotte eventuali disposizioni transitorie per assicurare continuità al sistema. L\’assessore Donati si è espresso in maniera chiara anche in tema di rifiuti, specificatamente sul problema dell\’immondizia in Campania. In occasione della Conferenza Stato – Regioni, l\’assessore ha affermato che le Marche, dal 2001 in poi, ha sempre dato prova di solidarietà concreta nei confronti della Campania smaltendo parte dei rifiuti in eccesso. “Allo stato attuale – ha rimarcato Donati – non esistono però le condizioni per poter accogliere quantitativi di rifiuti dalla Campania in misura tale da poter contribuire in modo significativo a dare soluzione al problema e senza rischiare di mettere a repentaglio l’autosufficienza locale.” Le Regioni hanno chiesto al Governo un atto formale che evidenzi la situazione di crisi, l’apertura di un tavolo tecnico per verificare quantitativi, caratteristiche dei rifiuti e modalità e destinazione dei conferimenti, garanzie del rispetto degli Accordi anche pregressi. La Regione Marche opererà quindi di concerto con le altre regioni in un’ottica di solidarietà nazionale, ma nella chiarezza delle responsabilità e dei ruoli. “Ogni azione – conclude l’assessore Donati – sarà comunque concertata con i territori nell’ottica di continuare a garantire quell’autosufficienza regionale che è un obiettivo strategico per l’intero sistema.”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here