2011 obiettivo raggiunto

609

Èsoddisfatto Giorgio Marchetti il presidente di Anconambiente Spa il maggiore gestore dei servizi di igiene urbana della provincia di Ancona. E ne ha ben donde. Il capoluogo dorico, infatti, ha raggiunto, anzi superato, la percentuale di raccolta differenziata prevista dalla normativa vigente fissata per il 2011 al 60%. “Non era affatto un risultato scontato – ha sottolineato il presidente Marchetti – e, quindi, la performance positiva è da ascrivere al lavoro di tutto il team di Anconambiente che con abnegazione ha lavorato al fine di poter ottenere
questo importante traguardo. La regione Marche si è confermata come area virtuosa da questo punto di vista, molti i comuni che hanno sfondato la soglia del 60% prevista dalla normativa e, Ancona, come capoluogo di regione non è stata da meno, dando, diciamo il classico buon esempio”.
Presidente veniamo ai dati economici, come avete chiuso il bilancio?
“L'azienda si è data da fare per poter chiudere il bilancio 2011 in pareggio, solo ad aprile conosceremo il risultato. Aggiungo solo che il raggiungimento della differenziata al 60% farà risparmiare al comune 250.000 euro di ecotassa”. La quota prevista per il 2012 è del 65%. “E’ vero, dobbiamo aumentare di un ulteriore 5%. Sembrerebbero poco 5 punti, in realtà sarà necessario un grande impegno da parte di tutti noi per raggiungere
questo risultato. E’ un po’ come il salto in alto man mano che procedono le manche, anche pochi centimetri fanno la differenza fra gli atleti”.
Avete già una strategia in merito?
“Sì. Pensiamo che si possa ottenere una performance del 65% lavorando e perfezionando una strategia già messa in campo in questo ultimo anno, per attuarla dobbiamo assolutamente servirci e sviluppare al massimo le conoscenze che le nostre risorse sul campo hanno delle varie zone in cui operano. Abitudini, stili di vita, tipologia dei residenti per censo ed età, queste sono solo alcuni esempi di categorie che caratterizzano gli abitanti dei vari quartieri e, su queste, lavoreremo al fine di poter organizzare una raccolta ad hoc per ogni quartiere. Un servizio che potremmo definire customer in base agli usi e costumi dei cittadini residenti. D’altronde la nostra attività è fortemente legata al rapporto umano fra operatore e cittadino, questa ha portato alla luce usi, consuetudini
che solo gli operatori sul campo conoscono! Questo lavoro non può essere fatto da nessuna macchina ed è per questo che anche nel 2011 sonostati assunti con concorso 50 operatori a tempo indeterminato, sostituendo
così i precedenti contratti a tempo determinato. Nel 2012 gli operatori non saranno solo la mano che opera, ma anche la testa, riportando tutte le conoscenze e consuetudini che contraddistinguono le vie delle città e su cui noi
lavoreremo al fine di poter conquistare questo importante traguardo”.
Quali saranno, invece, le possibili iniziative economiche che la società studierà per il 2012?
“Su questo c’è veramente molto da lavorare. Gli scenari, al momento, sono in continua evoluzione in quanto non sono ben definite le politiche generali relative alle liberalizzazioni che il Governo Monti vuole applicare nell’immediato futuro al nostro settore. Di una cosa però sono certo. Vedo in maniera molto positiva una plausibile e possibile aggregazione delle società pubbliche che operano sul territorio della provincia di Ancona. Mi riferisco a Sogenus, Jesi Servizi, Asa di Corinaldo e ovviamente Anconambiente, guardando però anche ad Astea che è a prevalente partecipazione pubblica. Sono questi i quattro soggetti che potranno, in un futuro prossimo, giocare un ruolo di primaria importanza per lo sviluppo e il perfezionamento di tutto il settore”.

2011 achieved aim
Giorgio Mrchetti president of Anconambiente Spa, the most important supplier of hygiene
service of the province of Ancona, is satisfied. The Doric chief lieu has caught up, indeed exceeded, the percentage of differentiated wastes collection previewed by the actual law for the year 2011 to 60%. “It was not at all an expectable result – has affirmed Marchetti – therefore, the positive performance has
been obtained through the work of Anconambiente team that has worked to the aim of being able to obtain this important aim”.
About the economic data, how did you have closed the budget?
“We have closed with a balanced budget. The attainment of 60% of separate wastes
collection has created a saving of 250.000 euro. The amount previewed in 2012 is of 65%… “It’s true, we must increase of 5%. It will be essential a great engagement from everybody in order to catch up this result”.
Do you have a specific strategy about it?
“Sure, we believe that we can obtain a performance of 65% working and perfecting a strategy
already used during the last year, in order to put it into effect, we must absolutelydevelop the acquaintances of our resources. Habits, typologies of the residents about wealth and ages are examples of categories that characterize the inhabitants of the several   areas, we will work on these categories in
order to organize a separate waste collection created ad hoc for every district.
Which will be, instead, the probable economic initiatives that the society will study for 2012?
“About it we must work hard. The scenes, at the moment, are developing. I’m sure that there will be a possible aggregation of four societies that works on the territory of the province of Ancona: Sogenus, Jesi Multiservizi, Astea and Anconambiente. This four subjects will be able, in the future, to play a main role
about the development and the improvement of the whole sector”.

www.anconambiente.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here