Terza crescita a doppia cifra per il mercato auto Italia

225

Secondo i dati pubblicati oggi dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, a marzo 2016 il mercato italiano dell’auto totalizza 190.381 immatricolazioni, con una crescita del 17,4% rispetto allo stesso mese del 2015. Il consuntivo del primo trimestre 2016 si attesta a 519.123 immatricolazioni, il 20,8% in più (ovvero 89.500 auto in più) rispetto ai volumi dello stesso periodo del 2015. “A marzo le immatricolazioni di nuove auto non erano così alte dal 2010, quando superarono le 259.000 unità – dichiara Aurelio Nervo, Presidente di ANFIA. Oltre alla graduale ripresa del naturale ciclo di sostituzione delle vetture, sostituzione che non può essere rimandata all’infinito, hanno continuato a giocare un ruolo incisivo le campagne promozionali delle Case auto, insieme ai bassi tassi di interesse e al sempre buono clima di fiducia dei consumatori. Si tratta del ventiduesimo incremento mensile consecutivo, per l’Italia, con un 2016 che
ha confermato, per tre mesi consecutivi, un rialzo a doppia cifra – aggiunge Nervo.
Anche il primo trimestre chiude, quindi, con un significativo aumento (+20,8%),
superiore a quello del primo trimestre 2015 (+13,8%), mentre le previsioni di chiusura
d’anno si confermano attorno a 1,7 milioni di autovetture (tra +7 e +9% rispetto al
2015).
Di fronte a questi dati incoraggianti – conclude il Presidente ANFIA – è comunque
doveroso ricordare che mentre la media delle immatricolazioni annuali dal 2005 al 2010
è stata di 2,2 milioni di unità, dal 2011 al 2015 è scesa a 1,5 milioni di unità”.
Analizzando le immatricolazioni per alimentazione, a marzo le auto diesel
conquistano il 56,1% del mercato totale, in crescita rispetto al mese precedente (55,7%);
seguono le auto a benzina con il 34,2%, contro il 34% del mese scorso, le vetture a GPL
stabili al 5,4%, le vetture a metano, a quota 2,5% (2,8% a febbraio) e, infine, le ibride e
le elettriche con l’1,8% (2,1% il mese scorso).
Quanto alle immatricolazioni per segmenti, Fiat Panda e Fiat 500 occupano
rispettivamente il primo e il secondo posto nella classifica del segmento A, coprendo,
insieme, una quota del 62% nel mese e del 61% nel trimestre. Nel segmento dei SUV
piccoli dominano ancora Fiat 500X e Jeep Renegade, che insieme rappresentano il 39% di
questo specifico mercato a marzo e il 38% nel trimestre.
Nel segmento di monovolumi piccoli, domina la classifica Fiat 500L, con una quota del
59% nel mese e del 57% nel trimestre.
Secondo l’indagine ISTAT, a marzo l’indice del clima di fiducia dei consumatori
(base 2010=100) aumenta leggermente, passando da 114,5 del mese precedente a 115;
in riferimento alle imprese, invece, l’indice composito del clima di fiducia (Iesi, Istat
economic sentiment indicator), in base 2010=100, scende a 100,1 da 103,2 nel mese
appena concluso.
Sempre a marzo, migliora il saldo relativo ai pareri sull’opportunità attuale di acquisto
di beni durevoli (passa a -28 da -33), mentre diminuisce il saldo riferito alle intenzioni
future di spesa per questi beni (passa a -64 da -57).
Secondo le stime preliminari ISTAT, a marzo l’indice nazionale dei prezzi al consumo
aumenta dello 0,2% su base mensile e diminuisce dello 0,2% su base annua (era -0,3% a
febbraio 2016). La persistenza del calo tendenziale dei prezzi risente dell’ulteriore
flessione dei prezzi prodotti energetici, in particolare gli Energetici non Regolamentati
(-11,2%, da -8,5% del mese precedente) – risultato su cui incide il confronto con marzo
2015, quando si era registrato un aumento congiunturale più marcato (+3,9%) – di cui
fanno parte i carburanti. Su base mensile, i prezzi degli Energetici non Regolamentati
crescono dello 0,8%.
Nel dettaglio, si registrano aumenti su base mensile del prezzo del Gasolio per mezzi di
trasporto (+2,5%) e, in misura più contenuta, della Benzina (+0,3%): entrambi, segnano
però un’accentuazione della flessione tendenziale (-15,4%, da -13,3% di febbraio per il
primo e -10,2% da -6,1% del mese precedente per il secondo), su cui incide il confronto
con marzo 2015 quando, per entrambi, si erano registrati incrementi congiunturali più
marcati e pari a +4,8% per il Gasolio per mezzi di trasporto e a +4,9% per la Benzina. I
prezzi degli Altri carburanti, invece, diminuiscono su base mensile (-3,1%)
principalmente per effetto del ribasso del GPL, e il relativo calo tendenziale si amplia
di 4,7 punti percentuali (-11,2% da -6,5% di febbraio).
Le marche nazionali, nel complesso, totalizzano nel mese 56.285 immatricolazioni
(+21,5%) e portano la propria quota di mercato dal 28,6 % di un anno fa al 29,6%. Nei
primi tre mesi del 2016, i volumi immatricolati ammontano a 151.620 unità, in crescita
del 24,4% e con una quota di mercato che passa dal 28,4% di un anno fa al 29,2%.
I marchi di FCA (escludendo Ferrari e Maserati) totalizzano nel complesso 56.032 unità
nel mese (+21,6%), con una quota di mercato del 29,4% contro il 28,4% di un anno fa.
Positivi i risultati dei brand Fiat (+21,6%), Lancia/Chrysler (+30,4%), Jeep (+28,1%). Bene
anche Ferrari (+23,1%)e Lamborghini (+116,7%).
A gennaio-marzo 2016, FCA ha immatricolato 150.951 autovetture, con una crescita del
24,5%, e una quota di mercato del 29,1%, contro il 28,2% di un anno fa. Tutti i brand
italiani, inclusi Maserati, Ferrari e Lamborghini, mantengono performance positive nel
trimestre.
Nella top ten di marzo compaiono ben sei vetture italiane. A condurre la
classifica troviamo ancora Fiat Panda (15.782 unità), l’auto più venduta in Italia (anche
nel primo trimestre), seguita al secondo posto da Fiat 500 (7.402), che recupera due
posizioni rispetto al mese scorso, al terzo da Lancia Ypsilon (7.122) e al quarto da Fiat
500X (5.817), anch’essa in risalita di due posizioni rispetto a febbraio. Seguono, al sesto
posto, Fiat 500L (5.231) e, al decimo, Fiat Punto (3.883).
La top ten diesel del mese è sempre guidata da Fiat 500X (5.214 unità) e, al secondo
posto, da Fiat 500L (3.766). Al quinto posto troviamo, invece, Jeep Renegade (3.072),
mentre stabile al sesto posto si colloca Fiat Panda (2.973).
Nei primi tre mesi del 2016, l'auto diesel più venduta resta Fiat 500X, seguita da 500L.
Il mercato dell’usato totalizza 439.861 trasferimenti di proprietà al lordo delle
minivolture a concessionari a marzo 2016, registrando un incremento del 3,1% rispetto
allo stesso mese del 2015. Nel primo trimestre 2016, i volumi si attestano a 1.242.905
unità, con un incremento del 7,5% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here