Carige: il Gruppo Messina sull’intervento di Di Maio

922

É sempre delicato e forse anche rischioso intervenire quando tematiche economiche e finanziarie finiscono sotto la lente di ingrandimento della politica e del Parlamento; è ancora più complesso farlo se a rispondere a interrogazioni, come avvenuto sul caso Carige, è direttamente un Vice Premier e Ministro dello Sviluppo economico e Lavoro e Politiche sociali.

Ma, contrariamente a quanto molti potrebbero pensare, per noi questo intervento rappresenta un’iniziativa positiva. Le dichiarazioni dell’On. Di Maio mirano a generare trasparenza; operare nell’ombra non rientra nel patrimonio genetico del nostro Gruppo. È vero: il nostro nome quali debitori di Banca Carige diventerà noto a una platea ancora più ampia, ma ciὸ fornisce a noi l’opportunità di precisare che quel finanziamento ipotecario di medio-lungo termine è tutt’oggi garantito da una delle flotte di navi, tutte di bandiera italiana, fra le più moderne del mondo; ci consente anche di dire che il finanziamento erogato da Carige, per il quale esiste un piano di rientro, ha consentito e consente a una delle compagnie di navigazione che hanno fatto la storia della marineria italiana, dal 1921, di continuare a operare e garantire lavoro a più di mille dipendenti diretti oltre a quelli dell’indotto.

Siamo abituati alla trasparenza e proprio per questo sin da ora formuliamo al Vice Premier Di Maio la nostra piena disponibilità, se lo ritenesse necessario, a essere ascoltati e a fornirgli tutte le informazioni che dovessero essergli utili.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here