Polizia Locale di Ancona, i dati 2019, aumenta la presenza sul territorio

647

Oltre 66mila infrazioni trattate, di cui 42mila rilevate direttamente, più di 14mila richieste di intervento pervenute alla Centrale operativa, più di 10mila persone ricevute al comando, un intensa attività di polizia giudiziaria,  950mila fotogrammi di videosorveglianza ambientale visionati, gestione di oltre 31mila pratiche.

Numeri sparsi  ma che ben rappresentano l’intensa attività del Corpo di Polizia Locale di Ancona dello scorso anno, corpo da poco rafforzatosi con l’assunzione di 27 nuovi agenti, che ha visto il raddoppio delle pattuglie sul territorio,   l’istituzione del vigile di quartiere per una presenza più capillare e l’adozione di un processo di digitalizzazione per ottimizzare le procedure burocratiche, l’avvio di un’attività di prevenzione diretta contro le truffe agli anziani e  per la  promozione dell’educazione stradale e civica nelle scuole.

“Sono numeri che disegnano a grandi linee il lavoro svolto nel 2019 ma che ben esprimono anche l’obiettivo che ci siamo dati assieme alla Amministrazione: quello di una maggiore presenza sul territorio con un presidio costante e continuo che da luogo ad una maggiore quantità di risultati” spiega la comandante della Polizia Locale, Liliana Rovaldi.

Per esempio il rilevamento degli incidenti stradali, dove rispetto allo scorso anno c’è stato un aumento pari al 2,5 per cento dovuto all’incremento delle pattuglie dell’infortunistica su strada. “Pensiamo anche al 70% degli interventi effettuati dal personale su strada a seguito di richieste pervenute alla centrale operativa, richieste che hanno avuto pronta soluzione. A ciò si aggiunge un intenso lavoro di ascolto e ricevimento al front office con  quasi 11 mila persone  accolte” dice la Rovaldi.

DIGITALIZZAZIONE PROCEDURE

“Per migliorare e incrementare il nostro servizio alla cittadinanza abbiamo anche in corso (attualmente il personale sta facendo formazione) un processo di digitalizzazione delle segnalazioni che pervengono al personale presente all’esterno e che potrà sin da subito comunicare in tempo reale la segnalazione alla centrale operativa e agli uffici competenti dell’Amministrazione, evitando di redarre una relazione cartacea. Ciò ci consentirà di agire più tempestivamente ed efficacemente sul territorio”.   A ciò si aggiunge in tema di Autotrasporto, un software dedicato “Police Controller” che permette il controllo dei mezzi pesanti circolanti nel territorio comunale (controlli a seguito di sinistro stradale e norme del cds). Nel corso dele verifiche, per esempio, è stato fermato un autotreno con conducente alla guida per 16 ore consecutive. Inoltre si è provvisto alla dotazione di portatili per le pattuglie infortunistica e quartiere P.zza Ugo Bassi per consentire il personale di interagire dall’esterno a tutti i sistemi informatici in modo di dare un servizio completo al cittadino.

PREVENZIONE TRUFFE ANZIANI

A seguito del progetto “L’apparenza inganna” finanziato dal Ministero dell’Interno (e sostenuto da un protocollo d’intesa siglato lo scorso luglio tra la Prefettura di Ancona e il Comune di Ancona – Polizia Locale e Assessorato ai Servizi Sociali) tuttora si stanno svolgendo gli incontri di sensibilizzazione con gli anziani; 6 quelli realizzati nel 2019 – con l’avvio a novembre – con la partecipazione di circa 200 anziani. “Proseguiremo anche nel 2020 questo percorso con altri incontri e  colgo l’occasione per sensibilizzare l’opinione pubblica affinché associazioni, cittadini, circoli prendano contatto con la Polizia Locale per organizzare ulteriori appuntamenti informativi” continua la comandante della Polizia Municipale.

 VIGILI DI QUARTIERE

Gli agenti addetti al controllo dei quartieri sono 9. Tale servizio è stato svolto  nel 2019  per un totale di ore 3.852. Effettuati  n.1387 interventi.  “Siamo a regime con la presenza sul territorio del vigile di quartiere. Attualmente in campo abbiamo 9 agenti dedicati al servizio di presenza nei quartieri. A circa 6 mesi dall’istitutzi9one di questo servizio possiamo già dire che decoro e percezione della sicurezza sono sempre le maggiori istanze rappresentate dai cittadini ma che la presenza del vigile di quartiere ha stimolato una maggiore sensazione di fiducia e rassicurazione”.

EDUCAZIONE STRADALE

Nell’anno 2019 il progetto di educazione stradale nelle scuole dell’infanzia e primarie hanno coinvolto un totale di 2.251 alunni, n. 13 scuole dell’infanzia e n. 10 scuole primarie.

In particolare i bambini delle scuole dell’infanzia coinvolti sono stati 808 e quelli delle scuole primarie 1.443. A 136  bambini della 5° elementare, al termine dell’anno scolastico 2018/2019, è stato rilasciato il patentino del “bravo ciclista”.

REPORT DATI POLIZIA MUNICIPALE 2019

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here