Wärtsilä non sospende i licenziamenti

242

“I rappresentanti della multinazionale Wärtsilä, Agnevall e Bochicchio, confermano che la procedura di licenziamento verrà avviata il 12 settembre. Una ostinazione inaccettabile”.

Lo dichiara il Segretario Nazionale Ugl Metalmeccanici, Antonio Spera, che oggi ha partecipato al tavolo convocato dal Mise sulla vertenza che per ora interessa il territorio di Trieste, ma che con il tempo rischia di trascinare con sé anche gli altri territori in cui la multinazionale è presente.

“Come sottolineato anche dai ministri Giorgetti e Orlando, la procedura di licenziamento dovrebbe essere ritirata o sospesa per favorire e attivare il piano di reindustrializzazione. Nonostante ciò, Wärtsilä andrà avanti per la strada unilateralmente scelta, cosa che intende fare anche il Governo nelle sedi opportune. Si proporrà, quindi, un piano di reindustrializzazione, attraverso un advisor, in accordo alle previste disposizioni presenti nel piano di mitigazione. In merito, il Governo ha mostrato un’assoluta identità di vedute e intende fare riscorso a tutti gli strumenti di carattere normativo e non per trovare una soluzione al tavolo di crisi. Come Ugl Metalmeccanici siamo altrettanto convinti che senza la sospensione della procedura di licenziamento la prosecuzione di un confronto sia ingestibile. Tuttavia, abbiamo dato la nostra disponibilità a proseguire il confronto. Allo stesso tempo, però, anche Wärtsilä deve assumersi le proprie responsabilità nel processo di reindustrializzazione di una fabbrica e di un territorio, dai quali  – conclude Spera – ha ricevuto soltanto profitti, vantaggi e benefici”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here