I microbiologi italiani festeggiano 50 anni di congressi al Palas di Rimini

386

È in corso al Palacongressi di Rimini il 50° congresso nazionale di AMCLI ETS, l’associazione che riunisce i microbiologi clinici italiani.  Si tratta di un appuntamento denso di significati, sia per quanto riguarda i contenuti del programma, orientato ad un confronto fra esperti dopo le esperienze acquisite nel periodo pandemico, sia perché è l’occasione per festeggiare 50 edizioni di un congresso che quest’anno è partecipato da oltre 800 microbiologi che si confrontano in seminari e simposi.

Dalla prima edizione, nel 1971, ben 18 si sono svolte a Rimini, le ultime 14 consecutivamente.

I congressi medico scientifici rappresentano un valore prezioso per Italian Exhibition Group ed il palacongressi di RiminiIl 32% degli eventi e il 43% delle presenze congressuali proviene infatti da questo ambito. Nel 2023 si terranno a Rimini importanti congressi scientifici: nel 2023 ai dieci di profilo nazionale si aggiungono quelli internazionali: dal 10 al 13 maggio quello promosso da FESSH, la federazione delle società mediche europee dedicate alla chirurgica della mano; dal 21 al 24 giugno l’European Symposium on Poultry Nutrition.

Ben sei gli appuntamenti internazionali già in programma nel 2024, a testimonianza della grande ripresa di organizzazione e partecipazione ai congressi medico scientifici e dell’interesse diretto dei promotori per le sedi ed i servizi che Rimini è in grado di offrire.

“L’appuntamento con AMCLI – spiega il direttore della divisione Event & Conference di IEG Fabio De Santis – racchiude come in una case history il posizionamento del territorio come destinazione congressuale. Per fidelizzare gli appuntamenti servono la qualità della struttura inserita in un territorio attrattivo, il know how organizzativo, la relazione positiva con un Pco come MZ Events e la capacità di sintetizzare tutto a favore della soddisfazione del cliente. Per questo AMCLI 2023 rappresenta per noi di IEG un appuntamento pieno di significati e di orgoglio”.

Nella serata di apertura del congresso, il Comune di Rimini e IEG hanno riconosciuto questa fedeltà, premiando con una targa il Prof. Pierangelo Clerici, presidente AMCLI e direttore Uo Microbiologia Asst Ovest Milanese e da undici anni protagonista dell’appuntamento riminese

“Siamo orgogliosi di essere diventati nel corso del tempo un punto di riferimento per la comunità dei microbiologi italiani e più in generale per le diverse professionalità mediche, che trovano nel Palacongressi la sede ideale per i loro meeting – sottolinea l’assessore alle politiche della salute Kristian Gianfreda – Una fidelizzazione che contribuisce a presentare Rimini come una importante piattaforma per il confronto e per l’approfondimento in campo scientifico. Questo, oltre a confermare la forte capacità attrattiva della città in virtù dell’esperienza e della qualità e della quantità di servizi offerti ai congressisti, rappresenta una soddisfazione anche per un’altra ragione: la pandemia ha reso ancora più evidente quanto fondamentale sia il ruolo della ricerca e della scienza per aumentare il livello della qualità della nostra vita, per la tutela del nostro ambiente, per dare alle prossime generazioni strumenti in grado di far fronte alle nuove sfide globali. Per troppo tempo ci siamo dimenticati che dalla scienza possono arrivare le risposte e le soluzioni ai quesiti del nostro tempo. Rimini sarà sempre pronta ad accogliere occasioni di dialogo tra chi ogni giorno, nei rispettivi ambiti e competenze, lavora per il progresso scientifico”.

“Per noi è l’evento più importante – dice il Prof. Pierangelo Clerici – e Rimini col suo Palacongressi sono ormai un brand che ci identifica. Dall’inizio della mia presidenza ho voluto fosse qui il nostro appuntamento congressuale e certamente ci resteremo almeno fino al 2025. La struttura, l’offerta alberghiera, la città in continuo cambiamento, sono elementi imbattibili e credo non troveremmo altrove la stessa soddisfazione.

Sul fronte dei contenuti, ci concentreremo sulla revisione diagnostica della microbiologia, con la tecnologia che ha fatto passi da gigante. L’obiettivo è essere coinvolti nelle reti di sorveglianza delle malattie infettive con la diagnostica microbiologica. E’ un passo decisivo e stiamo dialogando con le strutture. E’ fondamentale la sorveglianza epidemiologica delle malattie infettive per prendere decisioni tempestive che mettano in sicurezza il sistema sanitario del Paese”.

Anche durante AMCLI 2023 gli ospiti potranno visitare allo spazio Convivio, allestito all’interno del palacongressi, la mostra Visioni Urbane con le opere del pittore riminese Davide Frisoni. La mostra fa parte del progetto PERlarte che utilizza il linguaggio dell’arte contemporanea per avvicinare il territorio ai congressisti e valorizzare gli artisti locali. Nel corso della settimana la mostra, aperta fino al 30 aprile, è visitabile su appuntamento.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here