Riforma dei porti, Uiltrasporti: la natura giuridica delle autorità di sistema non venga toccata

324

“Chiediamo che venga ripreso quanto prima il tavolo di discussione permanente sui porti, proposto ormai da mesi dal Vice Ministro Rixi, quale luogo utile di confronto. I temi aperti riguardano gli interventi normativi su salute e sicurezza nei porti e il fondo per l’anticipo pensionistico per i lavoratori portuali, istituto ancora fermo sebbene ampiamente condiviso da parti sociali e dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti perché necessario al ricambio generazionale. Altrettanto urgente è il coinvolgimento sulla riforma dei porti che pare essere un obiettivo imminente del Governo e sul quale crediamo che debba esserci un confronto preventivo affinchè le parti sociali che hanno in questi anni contribuito alla costruzione dell’attuale disciplina che regola il lavoro nei porti attraverso il combinato disposto della legge 84/94 e il contratto unico, debbano dare il proprio contributo”.

Così il Segretario Generale Claudio Tarlazzi e il Segretario Nazionale Marco Odone della Uiltrasporti in merito agli obiettivi di riforma dei porti.

“Leggiamo della discussione aperta sulla governance dei porti, in particolare con la mozione a firma della deputata di FDI Maria Grazia Frija, che ci preoccupa – continuano i due segretari – in quanto riteniamo che, anche alla luce della situazione geopolitica che si è determinata in questi anni, la natura giuridica dei porti debba rimanere pubblica senza esplorare percorsi, come la governance pubblico-privato, che potrebbero far venir meno la terzietà delle autorità di sistema portuale, determinando degli squilibri nell’ambito della concorrenza e dello sviluppo dei traffici, favorendo grandi gruppi privati per lo più stranieri e mettendo a pregiudizio l’autonomia dello stato con conseguenze dirette sullo sviluppo armonico dei porti e sul piano occupazionale”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here