“Ancona Jazz Summer Festival” presentata la 51esima edizione

236
“Ancona Jazz Summer Festival” si presenta quest’anno con una veste inedita, variegata più del solito nelle scelte artistiche, ma soprattutto spalmata in luoghi diversi della città in un arco temporale più ampio. “Here, There, Everywhere” significa proprio questo: un movimento continuo tra diversi stili e situazioni, nell’intento di trovare l’armonia tra musica e scenari incantevoli. Si tratta di una precisa volontà di differenziarsi nell’affollata programmazione del periodo, regionale e no, in ambito jazzistico, attraverso scelte artistiche mirate, sempre di grande interesse, qualità e originalità, come nella consueta tradizione della rassegna. Spazio alle nuove leve, dunque, italiane e americane, ma anche a personaggi entrati nella storia recente di questa musica, senza preclusioni stilistiche.
I luoghi deputati ad ospitare il festival, giunto ormai alla cinquantunesima edizione, saranno dunque plurimi: Mole Vanvitelliana, Piazza del Plebiscito, Marina Dorica, Anfiteatro Romano, Terrazza di Moroder con puntate alla Chiesetta di Santa Maria a Portonovo e, fuori del territorio comunale, al Teatro del Conero di Sirolo, a Numana e Offagna come da tradizione per un programma che coprirà dal 1° luglio a settembre inoltrato.
Si partirà subito con due esclusive italiane: la prima (01/07) legata ad un omaggio alla musica di Charles Mingus con protagonista un ENSEMBLE estratto della COLOURS JAZZ ORCHESTRA arricchito dal contrabbassista BORIS KOZLOV, attualmente direttore musicale delle formazioni deputate a perpetuare il repertorio mingusiano, vale a dire la Mingus Big Band, Mingus Dynasty e Mingus Orchestra; la seconda (02/07) vedrà in azione il sestetto BLACK ART JAZZ COLLECTIVE, formato da alcuni dei massimi esponenti del jazz americano di oggi, esemplare nella continuazione del linguaggio jazzistico sviluppatosi dagli anni ’60 in poi.
A seguire, il corposo cartellone avrà i suoi punti di forza nella presenza di esponenti di primo piano nella scena musicale italiana, il quartetto del pianista e cantante SERGIO CAMMARIERE (16/07) allargato al sublime violoncello di Giovanna Famulari, il gruppo della cantante ROSSANA CASALE (19/07), la quale presenterà il nuovo disco “Almost Blue” e il duo del grande trombettista PAOLO FRESU con RITA MARCOTULLI al piano (26/07) tutti destinati all’Anfiteatro Romano.
Altre serate di grande interesse riguarderanno il 18/07, spazio aperto al jazz polacco, in ricordo della liberazione di Ancona, con la presenza della pianista SILVIA MANCO in un programma che parte dalla poesia di Wislawa Szymborska (Nobel 1996) “Ella in Heaven”, e del quartetto tutto femminile O.N.E., con musiciste provenienti da Polonia, Ucraina e Italia nella figura emergente del jazz nazionale Francesca Remigi; e il 22/07 presso Moroder, con l’unico concerto italiano della grande cantante JANIS SIEGEL , fondatrice del leggendario quartetto vocale “Manhattan Transfer”, in un programma che abbinerà jazz e cucina secondo un percorso di imprevedibile coinvolgimento del pubblico.
I palchi di piazza del Papa (11/07) e della corte interna di Marina Dorica (13/07) ospiteranno Big Band dalle Università USA dello Utah e Illinois grazie alla collaborazione della rete esercenti piazza del Papa e di Marina Dorica.
Il mese di agosto prevede vari appuntamenti, il primo nel teatro del Conero a Sirolo, vedrà la COLOURS JAZZ ORCHESTRA (10/08) questa volta al completo che, attraverso la direzione e gli splendidi arrangiamenti di Massimo Morganti, presenterà un programma dedicato ai grandi tenoristi della storia del jazz, da Coleman Hawkins a Sonny Rollins, da John Coltrane a Bob Berg attraverso i loro capolavori riesplorati da DANIELE COMOGLIO, brillante quanto versatile sassofonista, a suo agio in contesti diversi e aperti anche al pop e rock.
Questo evento è frutto della collaborazione con l’Associazione Le Muse di Ostra Vetere del M° Federico Mondelci.
Torna, in Terrazza di Moroder, l’appuntamento di Ferragosto un classico che rappresenta la chiusura ideale del cerchio, un concerto spettacolo, affidato al leggendario chitarrista LINO PATRUNO il quale, nel suo abituale “JAZZ SHOW”, il 15/08 offrirà il giusto omaggio al jazz di New Orleans e Chicago grazie alla conoscenza profonda di quegli stili tanto importanti negli anni ’20 e in poi, avendo suonato accanto a figure storiche e rappresentative di quel periodo. Gli appassionati, e non soltanto, avranno modo di apprezzare quindi un vasto spettro sonoro, dal duo alla grande orchestra, passando attraverso sensazioni ed emozioni proprie di un momento culturale che si appoggia, oggi più che mai, nella eterogeneità e nelle influenze da ogni dove.
Ancona Jazz che organizza senza interruzione concerti, rassegne e festival da oltre 50 anni festeggiati lo scorso marzo, realizza questa edizione del Summer Festival 2024 resa possibile grazie al supporto storico del Comune di Ancona – assessorati alla Cultura e ai Grandi Eventi -, della Regione Marche, del MIC Ministero Cultura e dall’Ente Parco del Conero, per valorizzare gli eventi green, ed alla collaborazione del Consolato Polacco di Ancona, Associazione Italo-Polacca Marche e Istituto Polacco di Roma. Non manca il supporto dei privati come la Tenuta Moroder e del Grand Hotel Palace. Gli aspetti tecnici sono curati da Rossini Pianoforti, Principi Strumenti Musicali, ENT-Entertainment Technologies. L’aspetto grafico continua ad essere curato da Eclettica Grafica.
LE DICHIARAZIONI: Il Sindaco Daniele Silvetti: “ l‘Ancona Jazz Summer Festival, che ha una storia ultracinquantenaria, è la dimostrazione che si vuole investire nella città, coinvolgendo una molteplicità di sedi. Se abbiamo questa rassegna è grazie alla disponibilità e alla tenacia di Giancarlo Di Napoli e Massimo Tarabelli che hanno voluto fare sempre di più e sempre meglio. Quest’anno abbiamo voluto mettere in campo nuovi progetti e sperimentazioni e l’associazione ci è venuta incontro, adattandosi ai cambiamenti e consapevoli delle criticità”.
Una edizione, quella 2024 – ha ribadito l’assessore alla Cultura Anna Maria Bertini– più ampia, sia nella tempistica sia nella dislocazione del territorio, che vede un insieme di eventi per i mesi di luglio e agosto: abbiamo lavorato insieme per organizzare un qualcosa che coinvolgesse la città e portasse grandi nomi per catturare e dare maggiore slancio alla stagione in location di grande suggestione”.
La riconoscibilità- ha aggiunto l’assessore ai Grandi Eventi, Angelo Eliantonio- è la cifra di AJSF che va oltre la città e la regione. Sono artisti accreditati, anzi blasonati,che porteranno grande musica e grande cultura all’Anfiteatro e nelle altre sedi. Con l’assessore Bertini, che ringrazio, abbiamo portato avanti un forte lavoro di squadra”
Partner da anni l’azienda Moroder- rappresentata da Marco Moroder- che ospita concerti memorabili tra i quali quello di FERRAGOSTO.
Ancona Jazz Summer Festival e le edizioni invernali (speciale quella organizzata alla Mole a marzo in occasione del cinquantenario)- hanno ricordato il Direttore artistico Giancarlo Di Napoli e il Presidente Onorario di Spaziomusica, Massimo Tarabelli- si distingue dalle altre rassegne perché annovera tutti i generi e tutti gli stili del jazz, dal tradizionale all’avanguardia. E promuove abbinamenti INEDITI e progetti sofisticati, quali ad esempio nel concerto di Cammariere (per la prima volta ad Ancona), con la violoncellista Giovanna Famulari, di Paolo Fresu con la super pianista Rita Marcotulli e Rossana Casale con il suo concerto speciale sul tema del blu (come colore e come genere, il blues).
Ancona Jazz ringrazia il Gruppo Zaffiro e gli altri mecenati tra cui Bufarini Srl e Campo Verde per il loro contributo ai sensi dell’Art Bonus. Spaziomusica è parte dei circuiti EJN Europe Jazz Network, I-Jazz, MJN Marche Jazz Network e aderisce al CMS-Consorzio Marche Spettacolo e, dal 2021, anche di JTTG Jazz Takes the Green, che mette in rete 20 tra i più importanti festival jazz italiani.
BIGLIETTI in vendita su VIVATICKET dal 17 giugno.
MicroABBONAMENTI divisi per location.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here