Marin, no unica Doc Friuli,rispettare eccellenze Collio

398

Trieste, 09 mar – COM/AB – \”Sull\’iniziativa della Provincia di Udine in riferimento alla creazione di un\’unica Doc Friuli con l\’avallo dell\’assessore Violino, benissimo ha fatto il Consorzio Collio, attraverso la sua presidente Patrizia Felluga, a dichiararsi contrario\”. Ad affermarlo, il consigliere regionale del Pdl Roberto Marin a seguito della presentazione del Piano Doc Friuli da parte della Provincia di Udine. "Non è ammissibile – rileva Marin – che un'iniziativa che vorrebbe raggruppare tutte le denominazioni di origine
controllata della nostra regione, alla fine venga denominata Doc Friuli. O siamo tutti quanti in Friuli Venezia Giulia, o i tentativi della Provincia di Udine e dell'assessore Violino troveranno forti opposizioni da parte del territorio giuliano".
"Tentare di appropriarsi di un lavoro realizzato da decenni con grande serietà e professionalità da parte degli operatori vitivinicoli del Collio è un'operazione fuori luogo e di bassissima sensibilità territoriale. Il Collio e le sue
eccellenze, con tutto il rispetto per le altre produzioni, non può e non dovrà essere mai messo sullo stesso livello di una Doc di Aquileia piuttosto che di Latisana. Anche perché il disciplinare della Doc Collio è sicuramente più restrittivo rispetto agli altri in quanto, se all'interno della perpetrazione Doc esiste una zona di pianura, questa non può essere definita Collio, a differenza dei Colli Orientali che hanno ancheproduzioni di pianura. Vadano pure tranquillamente, se loritengono utile, con la pianura di Aquileia e Latisana".
"Oltretutto – prosegue l'esponente del Pdl – si fa confusione, o vi è la volontà di mascherare questa iniziativa da parte degli assessori Macorig e Violino, con l'obiettivo di promuovere il Friuli e il vino Friulano. Un'unica Doc e la promozione sono due cose completamente diverse che devono essere gestite su livelli
differenziati, pur dovendo beneficiare di obiettivi comuni, non solo per il Friuli, bensì per l'intera produzione e per l'intero territorio del Friuli Venezia Giulia".
"Questa è l'ennesima triste puntata di una gestione del comparto caratterizzata dall'improvvisazione, dalla mancanza di idee e di strategia ma, come ho già avuto modo di sottolineare in occasione del Vinitaly dello scorso anno, si nota anche l'assenza di buon gusto. Anche la prossima edizione del Vinitaly – conclude Marin – sembra che sarà caratterizzata dal tentativo di uniformare tutte le produzioni e, come ho già avuto modo di denunciare, mi auguro
che ci sia una netta inversione di tendenza".

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here