La Pasqua del turismo tiene

185

Niente di nuovo sotto il sole delle vacanze pasquali per questo 2010. “I dati ricalcano più o meno quelli degli ultimi anni, con vacanze brevi e a spese ridotte – ha dichiarato Tullio Galli, direttore di Assoturismo – 7 milioni di famiglie italiane hanno sfidato la crisi per potersi concedere qualche giorno di relax”. Quali le mete più gettonate? “Le classiche di questo periodo… bene le vacanze verdi in agriturismo e nei centri benessere, ma tengono anche tutte le città d’arte. Fra le regioni una buona performance viene segnata dalla Campania, grazie al dato molto buono di Pompei e l’intramontabile Toscana, ma rimane una forte preoccupazione da parte di tutti gli operatori”.
A cosa sono dovute queste preoccupazioni?
“Ci sono più cause. La prima è sicuramente ascrivibile alla crisi economica che ancora attanaglia molte famiglie e che, per noi, è tutt’altro che finita; una seconda riguarda essenzialmente la promozione del prodotto “Italia”. Mi riferisco, di fatto, al commissariamento dell’Enit, l’unico vero ente che riusciva a fare una efficace diffusione sui territori stranieri delle nostre bellezze, cultura e ospitalità. Si possono avere opinioni divergenti su questo ente ma, nel bene e nel male, era l’unico vero strumento di comunicazione in grado, grazie anche a uno staff molto efficiente e su sedi strategiche, di promuovere il brand Italia nel mondo. Se non si riesce a chiudere questa “vertenza” sarà molto difficile attrarre turismo estero che per noi è di vitale importanza”.
Come sta andando la campagna “Buoni Vacanze”?
“Che dire… l’iniziativa messa in campo dal Ministero del Turismo è buona per il mercato interno e, tramite le strutture turistiche di Assoturismo, abbiamo aderito con entusiasmo, ma anche in questo caso è stata fatta poca informazione; gli spot sulle radio e in tv si sono esauriti in pochi giorni e la gente si dimentica di questa opportunità! E’ un peccato perché i buoni sono validi in questo momento e lo saranno fino alla fine di giugno 2010, consentendo una destagionalizzazione del prodotto turistico italiano”

Positive Easter about the tourist sector
“The data of the year 2010 trace those of the last years, with short holidays and reduced shopping” Tullio Galli manager of Assoturismo declares. Which are the most popular cities? “The classic ones of this period: Positive Green holidays in the agrotourism and the fitness centre, but positive data also come from all the art cities. But It remains a strong worry of all operator worker”. Why they are worried? “There are several reasons. The first is the economic crisis, for us is not finished; the second one refers to the compulsory administration of the Enit. There are different opinions on this agency, but it was the only instrument of communication able to promote Italy brand in the world. If this “dispute” will not be closed it will be very difficult to appal at foreign tourism, this is very important for us”. How is going the campaign of “Holiday voucher”? “The initiative promoted by the Ministry of the Tourism is good and we have appreciated it, but also in this situation it has been made few information.
It is a pity because the voucher are currently valid, until the end of June 2010, permitting a deseasonalize of the Italian tourist product”.

www.assoturismo.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here