Autonomie locali: Seganti, tutti i comuni approvano rendiconto

421

Trieste – Tutti i Comuni e le Province del Friuli Venezia Giulia hanno approvato il rendiconto di gestione entro il 30 aprile, termine stabilito dalle norme regionali che, in caso non fosse stato rispettato, avrebbe comportato un ritardo dei trasferimenti agli Enti. Lo conferma l'assessore regionale alla Pianificazione territoriale, Autonomie locali e Sicurezza, Federica Seganti,
rilevando che negli anni scorsi il termine per l'approvazione dei consuntivi, fissato al 30 giugno, non veniva rispettato, con ritardi di mesi e, conseguentemente, meno tempo a disposizione per l'utilizzo dell'avanzo di amministrazione.
"La previsione, inserita nella finanziaria di quest'anno, che subordinava al rispetto del termine l'erogazione di una quota dei trasferimenti ordinari, ha incentivato il raggiungimento di un risultato positivo che si aggiunge a quello, altrettanto buono, relativo all'approvazione dei bilanci preventivi per il 2010" ha detto l'assessore.

Entro il 21 febbraio di quest'anno, 138 Comuni avevano già approvato il loro bilancio, mentre gli altri 80 hanno provveduto a farlo entro i primi giorni di aprile.
"Una situazione che attesta la virtuosità amministrativa dei nostri Enti locali e caratterizza il Friuli Venezia Giulia in
maniera assai differente rispetto allo scenario nazionale" sottolinea l'assessore, ricordando che il ministero dell'Interno è stato costretto a prorogare al 30 giugno il termine per i bilanci consuntivi.

Gli enti che hanno approvato tempestivamente il proprio bilancio 2010 sono stati premiati con l'erogazione immediata della prima rata dei trasferimenti ordinari, che per i Comuni sotto i 20 mila abitanti è pari al 70 % del totale.

Oltre a "rappresentare un esempio di responsabilità verso i cittadini – nota Federica Segnanti – l'approvazione nei termini dei documenti contabili è nell'interesse degli stessi enti, che possono così gestire le risorse finanziarie in modo più efficace e con ricadute migliori per l'intero assetto socioeconomico regionale".

"La tempestiva adozione dei rendiconti – ha concluso l'assessore – permetterà inoltre a Comuni e Province di utilizzare da subito l'avanzo di amministrazione e di immettere altrettanto rapidamente liquidità nel sistema produttivo, favorendo così l'uscita dalla crisi".

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here