L’Università di Trieste fra i 500 atenei migliori al mondo

514

L\’Università di Trieste continua a essere fra i 500 atenei migliori al mondo secondo il QS World University Rankings 2010. Al primo posto della prestigiosa graduatoria, giunta alla settima edizione, c\’é Cambridge, che quest\’anno prende il posto di Harvard, dal 2004 in cima alla graduatoria. Tra le top 500 del mondo – votate da oltre 15.000 accademici di tutto il mondo (tra cui oltre 700 rettori e prorettori) e 5007 compagnie e società internazionali – sono 15 le università italiane: l\’Università di Bologna (176°) e La Sapienza di Roma (190°), l\’Università di Padova (261°), Politecnico di Milano (295°), Pisa (300°), Firenze (328°) e Pavia (363°). Oltre il quattrocentesimo posto troviamo le Università di Trieste, Trento, Roma Tor Vergata, Federico II di Napoli, mentre oltre la quattrocentocinquantesima posizione si sono piazzate il Politecnico di Torino, l\’Università di Siena, l\’Università di Torino e la Statale di Milano. \”La notizia della presenza del nostro Ateneo, unitamente a sole quattordici altre università italiane, nel prestigioso QS World University Rankings 2010 – commenta il Rettore Francesco Peroni – è motivo di orgoglio e, insieme, di conforto, considerata a difficile congiuntura che stiamo attraversando, non diversamente dall\’intero sistema universitario nazionale. Particolarmente emblematico il fatto che, tra i requisiti che hanno concorso a individuare le cinquecento migliori università del mondo figurino alcuni dei più tipici e consolidati punti di forza del nostro Ateneo, ossia: qualità della ricerca, elevati indici di occupabilità dei laureati, spiccata connotazione internazionale\”. Ricordiamo che il QS World University Rankings misura la qualità della ricerca, l\’inserimento nel mondo del lavoro dei laureati, le risorse dedicate all\’insegnamento e l\’impegno per l\’internazionalizzazione, usando una combinazione di sondaggi di opinione e dati, incluse le citazioni da Scopus, il più esteso database al mondo di pubblicazioni accademiche.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here