Molinaro su Univeristà’, primo MCA e coordinamento dottorati

940

Il mantenimento di un elevato livello di qualità nel sistema dell\’alta formazione e della ricerca è un obiettivo della Regione, un impegno al quale è stata data continuità anche con la finanziaria 2011. L\’ha ribadito oggi l\’assessore all\’Istruzione, Università e Ricerca Roberto Molinaro in occasione della presentazione a Trieste di due progetti d\’alta formazione: un Master in Complex Action per dottorandi ed il CoReDo (Coordinamento Regionale dei Dottorati)\”. E' quanto si legge nella nota diffusa dalla Regione Friuli Venezia Giulia. "Le iniziative sono state sostenute con fondi regionali e comunitari per un totale di 500 mila euro ma, in prospettiva, si punta all'autonomia economica perlomeno per quanto riguarda il master, di cui il nuovo direttore della Sissa, Guido Martinelli, ha sottolineato il carattere assolutamente innovativo a livello nazionale. 'Per il momento – ha confermato il suo collega uscente, Stefano Fantoni, promotore del master – potranno iscriversi al MCA 20 dottorandi (sono già pervenute 43 domande), giovani bravi e motivati che ci aiuteranno a mettere a punto quest'esperimento'. Il progetto CoReDo invece, 'anticipa la riforma Gelmini e conferma l'alto livello di collaborazione avviato tra le Università del Friuli Venezia Giulia, ha detto Molinaro, una sinergia attestata sia dal 'portafoglio di lauree magistrali in comune' ricordato dal prorettore dell'ateneo triestino, Sergio Paoletti, che dal processo avviato sul piano organizzativo e confermato, ha ricordato Molinaro, dalla nuova legge regionale sul sistema universitario che andrà in Consiglio tra gennaio e febbraio. Il sistema universitario regionale esiste, ha spiegato Paoletti, e cresce, in un'evoluzione convergente in cui la Regione sta giocando un ruolo positivo che va riconosciuto, per la convinzione condivisa che in un bacino demografico ristretto come il nostro esista un patrimonio notevole di eccellenze. Il Coordinamento punta a "creare valore aggiunto per il sistema produttivo regionale" ha dichiarato il responsabile dell'area scientifica dell'Ateneo friulano e accademico dei lincei, Michele Morgante, e vuol fornire ai dottorandi insegnamenti supplettivi a quelli che vengono loro impartiti nelle rispettive Università nelle aree delle Biotecnologie e delle Nanoscenze. Tra le attività previste dal CoReDo, l'organizzazione di scuole estive tematiche (biomedicina, scienze biomediche, nanotecnologie, matematica applicata) aperte ai dottorandi degli atenei di Trieste e Udine e della Sissa, nonché ai ricercatori delle strutture scientifiche locali, come l'ICGEB, l'ICTP e il Sincrotrone, e di workshop annuali per studenti agli ultimi anni di dottorato, che potranno così presentare il proprio lavoro, interagire tra loro, scambiare idee e trovare punti di contatto. Il Master in Azioni Complesse punta a formare manager dell'innovazione, verrà offerto dalla Sissa, dalle Università di Udine e Trieste e dalla Parmenides Foundation di Pullach (Monaco) e avrà il patrocinio della Conferenza dei Rettori. In lingua inglese, il master partirà il 21 gennaio a Trieste, si arricchirà con una tappa a Pullach e si concluderà a settembre con una settimana di "full immersion" a Paluzza. Dieci le sessioni previste e incentrate in due giorni (venerdì e sabato) con cadenza trisettimanale. In corrispondenza delle sessioni saranno organizzati dei "Dinner Colloquia" ai quali parteciperanno personaggi di spicco come Luca Cordero di Montezemolo e il matematico Alfio Quaternoni e che si svolgeranno sotto l'egida delle "TED (Technology, Entertainment & Desisign) conferences", lanciate in America con l'obiettivo di trovare persone con grandi idee e con lo scopo di cambiare le abitudini e le vite e, quindi, il mondo. Tra le materie di studio del master, psicologia cognitiva del pensiero, scienze di base ed esempi delle strategie di pensiero innovativo in esse utilizzate e, ancora, economia, finanza e gestione aziendale".

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here