Merci su treno o idrovia per avere meno camion sulle strade

492

Continuerà anche per tutto il 2011 il servizio affidato dalla Regione del Veneto alla società Sistemi Territoriali per incentivare il trasporto merci idroviario o su ferro finalizzato a togliere traffico dalla strada. “L’obiettivo che ci siamo posto – ha ribadito l’assessore alle politiche della mobilità Renato Chisso – non è quello di fare concorrenza ai tradizionali vettori, ma di favorire la migliore movimentazione delle merci con origine e destinazione il Veneto attraverso modalità alternative alla gomma. Per questo abbiamo messo a disposizione della società controllata Sistemi Territoriali 700 mila euro, che serviranno a incentivare traffici su rotaia o per le vie d’acqua interne durante l’anno corrente”. L’intervento punta, in prima battuta a incentivare l’idrovia e il traffico acqueo gravitante soprattutto sull’interporto di Rovigo. Ma serve anche a rendere sostenibili alcuni traffici ferroviari che altrimenti non sarebbero convenienti, e dunque non verrebbero realizzati, con il conseguente riversamento su strada del traffico equivalente.

E’ il caso tipico delle bietole dirette a Pontelongo, ma anche di taluni treni di container da Venezia a Milano, container che senza un contenimento delle tariffe si muoverebbero su camion, come già accade nella quasi totalità dei casi.

“Grazie all’intervento regionale – ha ricordato Chisso – negli anni passati siamo riusciti a organizzare sulle relazioni Venezia Porto Commerciale – Milano Certosa/Milano Melzo e Portogruaro -Pontelongo/Pontelagoscuro complessivamente 1.565 convogli ferroviari merci, che potremmo quantificare in circa 20 – 25 mila camion sottratti alla strada.

Per la modalità idroviaria sono state movimentate all’Interporto di Rovigo circa 178.226 tonnellate di merce con origine o destinazione porti situati nella Regione del Veneto, pure tolte al traffico su gomma”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here