Sorgenia ed Edison presentano il Protocollo per eliminare il fenomeno delle attivazioni truffa

488

Trentadue pagine di impegni precisi per combattere il fenomeno dei cosiddetti “contratti truffa”, quelli, cioè, non richiesti dal cliente e stipulati con metodi poco chiari dai venditori. È il “Protocollo di autoregolazione volontaria in materia di contratti e attivazioni non richieste”, stipulato da Sorgenia ed Edison in collaborazione con le associazioni dei consumatori. Il documento è stato presentato lo scorso 7 marzo a Roma, nel corso del convegno “Energia, sicuri di scegliere. Trasparenza e qualità nel mercato libero”. Al convegno hanno partecipato, oltre al direttore generale di Sorgenia Riccardo Bani e all’amministratore delegato di Edison Alessandro Zunino, anche Giovanni Calabrò, dg della Direzione del Consumatore dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato (Antitrust), Luigi Carbone, commissario dell’Autorità per l'energia elettrica e il gas, Massimo Orlandi e Chicco Testa, presidenti, rispettivamente, di Energia Concorrente e Assoelettrica, le due principali associazioni di riferimento delle aziende che operano nel mercato libero dell’energia.

L’incontro è stato aperto dalle parole di Bani, che ha illustrato le misure previste dal Protocollo contro i contratti truffa, entrato in vigore a febbraio. Nel dettaglio, il documento prevede, come anticipato da Energie Sensibili, l’aumento delle chiamate di conferma (dalle 5 stabilite dalla normativa alle 7 previste dalla carta firmata da Sorgenia ed Edison), estese anche ai contratti stipulati tramite telefono; l’annullamento dell’attivazione non richiesta e il blocco delle fatture fino al termine delle verifiche interne; una compensazione monetaria per il consumatore. Altre misure prevedono sanzioni pecuniarie per i venditori scorretti e il rafforzamento dell’attività di formazione degli stessi.

Bani ha definito la liberalizzazione una “opportunità per i consumatori e le imprese”. Il dg di Sorgenia ha messo in evidenza, in particolare, i vantaggi che il mercato libero ha portato agli utenti. Secondo quanto illustrato dal dirigente, infatti, tra il 2010 e il 2013 il prezzo in bolletta è cresciuto del 14%. Sempre nello stesso periodo, l’aumento dei prezzi delle componenti non legati alla competizione, quindi al prezzo dell’energia, è aumentato proprio del 14%. Se ne deduce, come ha dichiarato Bani, che “in questi anni la componente energia è rimasta inalterata”. Circostanza che ha permesso un risparmio per le famiglie di 90 euro all’anno, esattamente quanto sarebbe costato ai clienti un analogo aumento del prezzo per chilowattora.

Zunino – l’altro “padrone di casa” al convegno “Energia, sicuri di scegliere” – ha focalizzato parte del proprio intervento sul pericolo rappresentato dai contratti truffa. “Un contratto non richiesto – ha detto – è un danno enorme per il consumatori e per le aziende”. Per l’impresa, secondo l’ad Edison, un contratto truffa, oltre a determinare costi aggiuntivi legati alla gestione della controversia con il cliente, è deleterio per l’immagine, a sua volta fondamentale perché l’azienda possa “sopravvivere nel tempo in maniera virtuosa”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here