A Torino il 5 e 6 aprile si incontrano 53 «Città del Libro» di tutta Italia

566

Dal Festival francescano a quello del Libro ebraico, da Una montagna di libri a Mare, sole, cultura, oggi in Italia sono dell’ordine delle centinaia le località grandi e piccole che ospitano e organizzano manifestazioni legate al libro quali festival letterari, saloni, reading e incontri con l’autore.

Dal Festival francescano a quello del Libro ebraico, da Una montagna di libri a Mare, sole, cultura, oggi in Italia sono dell’ordine delle centinaia le località grandi e piccole che ospitano e organizzano manifestazioni legate al libro quali festival letterari, saloni, reading e incontri con l’autore.
È un numero cresciuto in modo esponenziale negli ultimi anni, che se da un lato testimonia l’impegno a valorizzare il libro e la cultura come importante attrattore turistico e fattore di crescita economica, dall’altro pone il problema di un coordinamento dell’offerta e del rapporto con le risorse che – notoriamente – sono sempre meno e sempre più difficili da reperire.
Con questo spirito cinquantatré fra le più attive e importanti manifestazioni delle «Città del Libro» d’Italia si incontrano per la prima volta a Torino venerdì 5 e sabato 6 aprile 2013 nella sala Agorà UniCredit (via XX Settembre 29, Torino).
L’idea è partita dalla Città di Torino con il sindaco Piero Fassino e dal Centro per il Libro di Roma presieduto da Gian Arturo Ferrari, che promuovono e organizzano il convegno.
Obiettivo della due giorni «Le Città del Libro» è far incontrare, conoscere e dialogare fra loro le iniziative nate nel tempo sull’intero territorio nazionale: mettere a confronto esperienze, modelli organizzativi, obiettivi e criticità. Ma soprattutto creare un coordinamento permanente, una governance che sappia fare fronte comune presso le Istituzioni per sostenere in modo incisivo questa realtà dell’industria culturale troppo spesso condizionata da frammentazione locale e difficoltà a fare rete, e ancora priva di un adeguato riconoscimento normativo.
Se l’Unesco tutela infatti da anni come patrimonio dell’umanità beni di cultura immateriale come il teatro dei pupi siciliani e la dieta mediterranea, le canzoni baltiche e il Carnevale di Binche, la legislazione italiana riserva lo status di bene culturale e la conseguente tutela soltanto a beni materiali come musei e monumenti, opere d’arte e siti storici e archeologici. Eppure il rapporto che si crea tra un festival o salone attivi da anni o addirittura decenni in un determinato territorio e il genius loci che li ha prodotti non è meno vincolante nel plasmarne il legame con una specifica città, le sue pietre, persone e anime.
Un Salone o Festival non nasce a caso, ma sorge lì dove si creano alchimie e situazioni ambientali spesso irripetibili nel rapporto con la città intesa come quinta urbana con le sue istituzioni, i suoi palazzi, chiostri, giardini, botteghe e tessuto umano ed economico, al punto da renderne impensabile una sua trasportabilità oppure la sua cancellazione senza infliggere una grave perdita alla biodiversità del panorama culturale del nostro Paese.
Sono maturi i tempi per mettere a punto gli strumenti volti a tutelare e difendere questo vincolo, in modo da preservarne la specificità e infungibilità. Dal convegno Le Città del Libro dovrà prendere forma così un’iniziativa legislativa che mira ad estendere anche a festival e saloni legati al libro e alla cultura lo status di bene culturale riconosciuto, tutelato e difeso dalla legge italiana.
Questo il programma degli interventi:
Venerdì 5 aprile
• Ore 17.00. Piero Fassino (sindaco della Città di Torino), apertura del convegno; Michele Coppola (assessore alla Cultura, Regione Piemonte), saluto della Regione Piemonte; Antonio Saitta (presidente Provincia di Torino), saluto della Provincia di Torino.
• Ore 17.40. Gian Arturo Ferrari (presidente Centro per il Libro e la Lettura), Una forma italiana di promozione della lettura.
• Ore 18.00. Gustavo Zagrebelsky (Università degli Studi di Torino), Libri, cultura, democrazia.
Sabato 6 aprile
• Ore 9.30. Rolando Picchioni (presidente Fondazione per il Libro, la Musica e la Cultura), Le città del libro, fra governance e sussidiarietà.
Intervengono: Giulia Cogoli (Festival della Mente, Sarzana – Dialoghi sull’uomo, Pistoia), Pier Gaetano Marchetti (Bookcity, Milano), Gian Mario Villalta (Pordenonelegge, Pordenone), Maria Ida Gaeta (Letterature. Festival Internazionale di Roma), Sergio Chiamparino (presidente Compagnia di San Paolo), Antonio Maria Marocco (presidente Fondazione Crt), Giuseppe Guzzetti (presidente Fondazione Cariplo, Presidente Acri – Associazione Casse di Risparmio Italiane), Matteo Melley (presidente Cassa di Risparmio di La Spezia), Giovanni Puglisi (Presidente Fondazione Sicilia).
• Ore 11.00. Coffee break.
• Ore 11.30. Guido Guerzoni (Università Bocconi, Milano), Le ricadute economiche, sociali e culturali dei festival.
Intervengono: Marzia Corraini (Festivaletteratura, Mantova), Giuseppe Laterza (Festival dell’Economia, Trento), Vittorio Bo (Festival della Scienza, Genova), Carlo Fuortes (Libri come. Festa del Libro e della Lettura, Roma), Marcello Fois (Isola delle storie, Gavoi).
• Ore 13.00. Pranzo.
• Ore 15.00. Girolamo Sciullo (Università di Bologna), Un bene culturale? Il quadro giuridico e istituzionale.
Intervengono: Rossana Rummo (direttore generale per le Biblioteche, gli Istituti culturali ed il Diritto d’autore), Alberto Galla (presidente Ali, Associazione Librai Italiani), Marco Polillo (presidente Aie, Associazione Italiana Editori), Stefano Parise (presidente Associazione Italiana Biblioteche), Vincenzo Santoro (Ufficio Cultura Anci).
• Ore 16.30. Coffee break.
• Ore 17.00. Giuliano Amato (presidente Enciclopedia Treccani), Locale e nazionale nella produzione del libro.
• Ore 17.30. Saluto di chiusura del Sindaco di Torino e del Ministro per i Beni e le Attività Culturali.
• A seguire: Conferenza di chiusura. Paolo Baldacci, Nietzsche, De Chirico: enigmi sabaudi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here