Insieme per un sorriso

478

Nel cinquantennale della sua nascita, Clementoni ha scelto la Fondazione Salesi per stringere un accordo all’insegna del sociale. I piccoli pazienti dell’ospedale pediatrico avranno a disposizione l’innovativa figura dell’operatore ludico e tanti giochi tagliati su misura per le loro esigenze Guarire è un gioco bellissimo. Si può riassumere così la filosofia che è alla base dell’accordo stretto in questi giorni tra la Fondazione Salesi di Ancona e Clementoni, la nota azienda recanatese di giochi educativi.
Un accordo che segna l’avvio di un sodalizio tra due importanti realtà che condividono l’impegno sociale e una speciale attenzione per i più piccoli. Con un solo obiettivo: dare un sorriso ai bimbi malati, per contribuire ad alleviarne le difficoltà durante il difficile periodo di ospedalizzazione.
E niente più del gioco è in grado di fare ciò. Così la Clementoni azienda nata e cresciuta a Recanati, nel cinquantennale della sua nascita, ha scelto proprio la Fondazione Salesi per dare il via ad una sinergia destinata a durare nel tempo. Una scelta motivata da una stretta comunione d’intenti e di principi, e da chiarezza e trasparenza nella comunicazione dell’attività, che hanno avvicinato con entusiasmo le due realtà marchigiane.
Tra le novità apportate dall’accordo, spicca l’istituzione della figura dell’operatore ludico, che, scelto attraverso un bando ed una selezione, d’ora in poi organizzerà e gestirà le attività di intrattenimento per i piccoli ricoverati. Intrattenimento che sarà sempre più attento alle diverse esigenze dei bambini ospedalizzati, una sorta di “su misura” del momento ludico, che passerà attraverso l’adattamento del gioco agli specifici bisogni del paziente, o alla creazione ex novo di un divertimento ad hoc. A questo scopo si stanno intessendo scambi sempre più stretti con gli psicologi referenti del gioco e con i responsabili delle malattie rare, cui Clementoni metterà a disposizione tutto il suo know how e le innovazioni del reparto ricerca e sviluppo.
L’azienda recanatese donerà, inoltre, numerosi suoi prodotti da utilizzare nelle sale giochi dei reparti dell’ospedale Salesi e nell’ambito del progetto “Niente dolore in corsia”, iniziativa della Fondazione che prevede la presenza di momenti ludici con l’ausilio di clown dottori durante le procedure dolorose per i piccoli pazienti, come prelievi e medicazioni.
Clementoni sosterrà anche il progetto “Le favole della buona notte”, che vede un gruppo di volontari, coadiuvati da una psicologa, impegnati di sera nei reparti accanto ai letti dei ricoverati, distraendoli con il racconto di fiabe e filastrocche, ed impegnandoli in giochi e disegni.
Il beneficio del gioco e del divertimento nei piccoli degenti e le sue ricadute positive in termini di tempi di recupero della salute sono ormai entrati nella letteratura psicologica e medica. E’ provato, infatti, che distrarsi con buonumore non sottrae tempo utile alle cure classiche, ma al contrario permette di creare nel bambino ospedalizzato una maggiore predisposizione alla collaborazione e all’accettazione delle terapie, e quindi porta a più alte probabilità di rapida guarigione.
L’accordo Fondazione Salesi – Clementoni costituisce una vera e propria rarità nel settore del sociale, rappresentando un appropriato connubio tra due realtà che mettono il sorriso dei più piccoli al primo posto.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here