“Missione Mobilità”, Roma, 21-22 giugno Due giorni per dire “No allo spegnimento del motore dell’economia”

557

“Due giorni per rilanciare la passione per la mobilità (responsabile ed ecosostenibile) su due e quattro ruote e denunciare le continue vessazioni subite da automobilisti e motociclisti, proponendo alle istituzioni analisi e ricette concrete per superare la crisi del settore”. Sono questi gli obiettivi di “Missione Mobilità”, la manifestazione in programma a Roma il 21 e 22 giugno presso la sede della Pontificia Università Lateranense (piazza San Giovanni in Laterano, 4), promossa da AMOER – Associazione per una Mobilità Equa e Responsabile e presentata oggi presso la sede dell’ACI. L’iniziativa, dopo il successo riscosso dalla prima edizione lo scorso anno a Torino, approda nella Capitale e apre le porte anche alla mobilità su due ruote con una due giorni di incontri che vedrà confrontarsi istituzioni, imprenditori, esperti del mondo scientifico e universitario, rappresentanti della filiera dell’auto e delle moto e appassionati dei motori su argomenti di stretta attualità per il settore.
Tre i temi guida di questa edizione: “La denuncia della continua demonizzazione e vessazione fiscale del bene auto”, “Il rilancio dell’intera filiera della mobilità come trampolino per una possibile ripresa economica e occupazionale”, “La riscoperta dei sentimenti di passione e libertà che da sempre i motori sanno evocare”.

"L’auto, e la mobilità a motore più in generale, – afferma Pierluigi Bonora, giornalista e Presidente di AMOER – sono oggi strette tra due fuochi: da una parte l’incendio economico (con il drammatico calo dei consumi) che la politica sembra incapace di arginare; dall’altro la crescente opera di vessazione dell’auto e dei suoi utilizzatori condotta su più fronti per nascondere ritardi infrastrutturali e inadempienze da parte delle istituzioni. Tale opera sta spegnendo la passione per le quattro e le due ruote, soprattutto tra i più giovani. Le Case Auto sono chiamate oggi a ridefinire le strategie per interpretare al meglio i desideri delle nuove generazioni che non vedono più nell’auto il simbolo di libertà e divertimento”.

“Siamo provocatoriamente contrari”, conclude Bonora, “a una città senza motori in quanto auspichiamo la definizione di una politica integrata della mobilità che tenga conto di tutti i sistemi di trasporto, dalle auto alle bici passando per moto e scooter, tutelando sempre la libertà di spostamento dei cittadini, senza preclusioni ideologiche e demagogiche”.

“Missione Mobilità” si propone come rassegna di stimolo, provocazione e pressione a favore di un equilibrio tra le città e il mondo dei motori a due e quattro ruote, troppo spesso considerate solo come “bancomat” di tutte le tasse possibili e mai attentamente valutate come elementi strategici della nostra industria e all’interno di un piano generale di mobilità equa e responsabile.

Piuttosto la criminalizzazione della mobilità a motore condotta negli ultimi mesi ha generato oggi uno scenario preoccupante: le vendite di vetture sono in calo da 36 mesi (ridotte ai livelli di una quarantina di anni fa) con le famiglie che rinviano l’acquisto di auto nuove e le riparazioni di quella in loro possesso; intanto, resta alto il costo della benzina e gli altri “balzelli” e costi accessori (Ipt – Imposta provinciale di trascrizione, RC Auto, Bollo) appesantiscono oltremodo il possesso di un’auto.

“Il salvadanaio dell’auto si è rotto e il fisco non riesce a cavarne i soldi sperati – dichiara il presidente dell’ACI, Angelo Sticchi Damiani – perché gli automobilisti non destinano più al proprio veicolo le poche risorse disponibili. La leva fiscale deve essere uno strumento di rilancio e non di oppressione per il settore, altrimenti per il mondo economico e sociale dell’auto non c’è futuro. Per ridurre l’esborso delle famiglie per la mobilità si può agire subito sulle prime due voci di spesa: il carburante e l’assicurazione. Soprattutto sulla rc-auto ACI ha mostrato alle istituzioni come intervenire con risparmi fino al 40% delle polizze per le famiglie senza costi per lo Stato”.

Questo, in sintesi, il programma della manifestazione.
Venerdì 21 giugno, ore 16, la manifestazione aprirà i battenti con:
• “Fra passione e ragione”: le testimonianze concrete di come le aziende stanno rispondendo alla crisi e ripensando il proprio business.
• “La demotorizzazione”: la tendenza italiana alla progressiva “demotorizzazione”, ovvero il saldo negativo tra nuove immatricolazioni e cancellazioni, con impatti negativi evidenti su tutta la filiera e la diffusione di nuovi modelli di mobilità, secondo le indagini di Alix Partners.
Introduce il Presidente AMOER – Pierluigi Bonora. Modera i lavori Gian Primo Quagliano – Presidente Centro Studi Promotor. Interverranno Antonio Ghini – consulente in comunicazione e autore del libro "Dal detersivo alla Ferrari: 100 modi di comunicare”, Giacomo Mori – Director di Alix Partners e il Direttore Generale del Ministero dell’Ambiente – Corrado Clini.

Sabato 22 giugno, ore 9.30, saranno due i momenti di confronto:
 “Analisi e proposte per reagire”: progetti e ricette concrete elaborati dalla Task Force di AMOER per uscire dal tunnel della crisi e “riaccendere i motori”.
 “No allo spegnimento dei motori. Le istituzioni battano un colpo”: talk show moderato da Pierluigi Bonora che provocherà e guiderà il confronto tra gli esponenti della filiera dei motori e le istituzioni.
Interverranno i membri della task force sulla mobilità di AMOER: Paolo Artemi, Loris Casadei, Pier Luigi del Viscovo, Massimo Ghenzer. Al talk show prenderanno parte: Massimo Nordio – Presidente UNRAE, Domenico Chianese – Presidente e AD di Ford Italia, Gianmarco Giorda – Direttore di ANFIA, Saverio Greco – Vice Presidente di Federauto, Giulia Marrone – Responsabile Relazioni Esterne e Ufficio Stampa Confindustria ANCMA ed EICMA, Pietro Teofilatto – Direttore Noleggio a Lungo Termine ANIASA, Gianluca De Candia Direttore Generale Assilea, Giuseppe Piano Mortari – Direttore ASSOFIN e Rita Caroselli – Direttore Assogasliquidi.

Per partecipare ai lavori, aperti a tutti, e per aggiornamenti in tempo reale sulla manifestazione è possibile consultare il sito: http://www.missionemobilita.it/. L’evento è organizzato con il patrocinio di Ministero dell’Ambiente, Ministero dello Sviluppo Economico, Consiglio Regionale del Lazio, Comune di Roma, ANCI e Automobile Club Italia. Missione Mobilità è promosso con il contributo di Federauto, Federchimica Assogasliquidi, ANCMA – EICMA e con il sostegno di Bosch, BMW, FIAT, Ford, Nissan, Peugeot. Media partner dell’iniziativa sono Class CNBC, Auto TV, Safe-Drive, Infomotori, BTBoresette.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here