Alluvione Senigallia: gli impegni del Governo e della Regione Marche

754

Importanti impegni per aiutare Senigallia ed il suo territorio danneggiati dall’alluvione sono stati assunti dai rappresentanti delle Istituzioni nel corso dell’incontro svoltosi nella mattina di venerdì 9 maggio nella sala Consiliare del Palazzo Comunale. Durante l’incontro il Sindaco di Senigallia Maurizio Mangialardi ha avanzato al ministro dell’ambiente Galletti ed al ministro dell’agricoltura Martina alcune proposte relative a misure concrete da adottare per aiutare la ripresa.
Il Presidente della Giunta Regionale Gian Mario Spacca ha annunciato che la Regione Marche realizzerà una serie di spot promozionali dedicati a Senigallia che vedranno come testimonial l’attore marchigiano Neri Marcorè. La finalità degli spot sarà quella di tranquillizzare il pubblico mostrando come la città sia in grado di accogliere nel migliore dei modi i visitatori anche in questa stagione turistica ormai alle porte.
Il Ministro dell’ambiente Gianluca Galletti ha annunciato di poter adottare provvedimenti concreti per Senigallia anche prima della formale dichiarazione dello stato d’emergenza da parte del Governo. Infatti Galletti ha manifestato l’intenzione di proporre già nella prossima settimana al Consiglio dei Ministri l’adozione di un atto che disponga l’accelerazione dei tempi e la semplificazione delle procedure amministrative per interventi di contrasto del dissesto idrogeologico, spendendo in tal modo in maniera efficace e tempestiva i soldi già disponibili. Sempre entro tempi brevissimi il ministro dell’ambiente ha annunciato anche la volontà di incrementare le risorse statali per finanziare gli interventi previsti nell’accordo quadro sottoscritto qualche anno fa dalla Regione Marche con il Ministero dell’Ambiente per proteggere il bacino idrografico. Grazie a questo ulteriore finanziamento sarà possibile operare con urgenza per la realizzazione delle vasche d’espansione nel fiume Misa.
Il Ministro dell’agricoltura Maurizio Martina ha manifestato l’impegno formale del governo di garantire il pagamento immediato a favore degli agricoltori dell’intero importo del PAC relativo all’anno 2013 e la disponibilità a prorogare i termini per gli adempimenti relativi all’anno scorso che scadrebbero il 15 maggio ma che verranno certamente posticipati per consentire alle aziende agricole di agire con maggior tranquillità.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here