Mario Monti in esclusiva: “Ho comprato il gruppo Azimut e con Belen e Tiziano Renzi…”

267

Un\’intervista a 360 gradi con il professore Mario Monti, il nemico della nautica che ci stupisce con una notizia bomba: ha comprato il gruppo Azimut
Rilanciamo con piacere l’intervista esclusiva fatta dai colleghi di Liguria Nautica al Presidente Mario Monti.

Quando, dopo un lungo scambio di mail con il suo staff, siamo finalmente riusciti a concordare l’intervista che state per leggere, quasi non credevamo di avercela fatta: l’uomo più odiato dalla nautica italiana ai nostri microfoni, in un faccia a faccia senza esclusioni di colpi, il sogno di ogni giornalista del settore.
Il Professore Mario Monti ci riceve nel suo studio milanese: l’uomo è come ce lo immaginavamo e come l’abbiamo visto tante volte in TV, austero. Anche il luogo è austero, quasi minimalista, così come austero è il suo vestito scuro.
LN – Professore, si rende conto di essere l’uomo più odiato dalla nautica italiana e forse non solo da quella?
Monti – (Sorride misuratamente) Si me ne rendo perfettamente conto, ma le scelte difficili toccano a uomini che hanno ruoli importanti, cruciali, e io quando ero Presidente del Consiglio ho avuto il compito drammatico di salvare l’Italia dal fallimento.
LN – E pensava di salvare l’Italia massacrando la nautica con la sua tassa?
Monti – La ricetta è semplice: prendi i soldi dove ci sono, la nautica, elimina le spese che non potrai sostenere, le pensioni. E così ho salvato l’Italia. E’ una faccenda di matematica, se lei avesse studiato più economia all’Università concorderebbe con me.
LN – Ho studiato giornalismo in un’università pubblica.
Monti – Università pubblica? Non le avevamo chiuse tutte?
LN – Professore no, le università pubbliche esistono ancora. Stavamo parlando di nautica, girano certe voci su di lei e su una sua possibile iniziativa.
Monti – Si è vero e voglio darle uno scoop. Ho intenzione di farmi perdonare. Perché dopo tutto quel polverone della tassa di stazionamento, privatamente ho preso una decisione. Ho chiuso una trattativa per l’acquisto del gruppo Azimut/Benetti. Era una decisione che covavo da tempo, un modo per farmi perdonare. Scendo in campo nella nautica.
Per capirci qualcosa di più, prima di acquistare Azimut, mi sono comprato una barca ma di un altro cantiere, una cosa austera, un 85 mt dei cantieri Lurssen. Come sapete ho grande ammirazione per la Germania e mi ispirerò al cantiere tedesco per la gestione del mio gruppo. Il mio dovrà essere un cantiere austero, preciso, distinto.
LN – Non crediamo alle nostre orecchie, ci dica di più, chi sarà coinvolto?
Monti – Non potrei ancora dirlo, ma qualche anticipazione posso darla. Per la parte tecnica di direzione del cantiere mi sono affidato a un assoluto luminare. Antonio Antani, classe 1937, esperto di meccanica navale applicata alle catene d’ancoraggio, specializzato in fisica navale all’Università di Vaduz (Liechtenstein), già commissario ombra alla nautica nei primi mesi di Governo Renzi, poi dimissionario per motivi deontologici perché Renzi per il suo yacht compra ancore con metallo fabbricato in Cina. Un uomo tutto d’un pezzo, come me.
LN – E chi sarà l’amministratore delegato?
Monti – Qui arriva il piatto forte: Tiziano Renzi. La sua gestione di alcune situazioni finanziarie critiche mi è sembrata eccellente.
LN – Professore ma Tiziano Renzi è stato anche indagato per bancarotta fraudolenta.
Monti – Archiviato.
LN – Se lo dice lei. Chi curerà invece la comunicazione e le pubbliche relazioni?
Monti – Mi hanno consigliato come PR e organizzatrice di eventi una ragazza che pare sia in gamba, una certa Belen Rodriguez. Me ne hanno parlato molto bene.
LN – Professore ma è una soubrette e l’unica nautica che conosce è quella dei barconi dove prende il sole in bikini.
Monti – (Ridacchia compiaciuto) Giovanotto non sia troppo austero lei adesso, dopo tutto ho passato 73 anni a rompermi la scatole da solo con la mia serietà, non sarà arrivato il momento di divertirmi un po? Più nautica, bikini e megayacht per tutti!

Ce ne andiamo lasciando il professore seduto alla sua scrivania con un ghigno compiaciuto. Siamo rimasti basiti almeno quanto voi nel sentire le sue parole, di certo è stato un Mario Monti che non ci aspettavamo. Buon lavoro Presidente!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here