Aeroporto FVG: nuovo accordo con i sindacati

475

\”Abbiamo dimostrato con i fatti che la Regione tiene sia al futuro dei lavoratori che a quello dell\’aeroporto regionale. Siamo perciò soddisfatti per l\’accordo raggiunto quest\’oggi, che rafforza il nostro impegno per la prosecuzione degli interventi di rilancio dello scalo\”. Così la presidente della Regione Debora Serracchiani ha commentato la sigla dell\’intesa raggiunta questo pomeriggio tra sindacati e la Spa dell\’aeroporto del Friuli Venezia Giulia. Dopo una prima fase che aveva portato nei giorni scorsi alla
mobilità volontaria di 12 lavoratori, oggi è stato raggiunto
l'accordo su un secondo pacchetto di interventi che prevede una
riduzione del 25 per cento dell'orario di lavoro a fronte di
nessun licenziamento ed una maggiore flessibilità delle
prestazioni legate all'operatività dei voli. Pacchetto, quello
approvato dall'assemblea dei lavoratori, che sarà operativo per i
prossimi 18 mesi.

Serracchiani ha rivolto un plauso e un ringraziamento ai
dipendenti dello scalo che, con la sottoscrizione dell'accordo,
"hanno dato un loro prezioso contributo al rilancio
dell'aeroporto, comprendendo che a questo gesto corrisponde
parallelamente un impegno della Regione su più fronti".

In un incontro tenutosi in mattinata al quale hanno partecipato
il presidente e il direttore generale dello scalo, Antonio Marano
e Marco Consalvo, nonché le rappresentanze sindacali tra cui
Valentino Lorelli della Filt Cgil, Lilli Bigoni della Fit Cisl ed
Emiliano Zotti delle Rsu dell'aeroporto del Friuli Venezia
Giulia, Serracchiani ha affermato che "assieme al nuovo managment
in questa prima parte del nostro mandato abbiamo gettato le basi
per dare nuovo impulso alla struttura. Ne sono dimostrazione il
riordino delle società che gravitavano intorno all'aeroporto ma
anche la sobrietà nella gestione, con il taglio dei compensi agli
amministratori".

Quindi è stato redatto un piano industriale il cui obiettivo è
quello di inserire l'infrastruttura aeroportuale in un contesto
maggiormente favorevole, rendendola più facilmente raggiungibile
e attrattiva. In questo senso – ha spiegato la presidente – vanno
le opere di ammodernamento delle strutture "i cui cambiamenti, a
opere ultimate, saranno sotto gli occhi di tutti". A ciò si
aggiungono gli importanti interventi dedicati all'intermodalità.
"Tutto ciò, sommato alle strategie che stiamo adottando nel
comparto turistico, dovrà portare ad un incremento del traffico e
quindi alla creazione delle condizioni generali per garantire
l'occupazione a chi opera all'interno dello scalo. Siamo sulla
buona strada".

Dal canto loro i rappresentanti sindacali che hanno partecipato
all'incontro hanno apprezzato gli sforzi compiuti dalla Regione e
dai vertici dell'aeroporto, tutti indirizzati al risanamento dei
conti. In modo particolare si è preso atto di un'inversione di
tendenza rispetto al passato, cambiamento avvenuto con le
concrete politiche di risanamento e di rilancio dello scalo.

Tuttavia, a garanzia di coloro che hanno sottoscritto l'intesa,
sono stati chiesti chiarimenti in merito a possibili accordi di
collaborazione tra l'aeroporto del Friuli Venezia Giulia e altre
società che operano in questo campo. A tal proposito Serracchiani
ha affermato che "se verranno avanzate proposte serie, saranno
prese in debita considerazione. Al momento, però, non c'è al
vaglio alcuna ipotesi. L'aeroporto del Friuli Venezia Giulia
continuerà pertanto ad operare in autonomia, rafforzandosi in un
contesto nel quale possa oggettivamente aspirare". Passaggio
quest'ultimo particolarmente apprezzato dalle forze sindacali
presenti all'incontro.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here