Neve e sisma non fermano il pasticcere di Visso

695

Alle 4.30 Fabio e Lina Cerri sono già in auto. Lasciano gli altri terremotati del residence \’La Risacca\’ di Porto Sant\’Elpidio e risalgono la montagna innevata fino a Visso, \’\’in tempo per le 6. A quell\’ora \’\’le paste messe a lievitare la sera prima sono quasi pronte – spiega Fabio – e alle 6.15 possiamo aprire il negozio. I primi clienti sono i carabinieri e i poliziotti, poi i volontari, e gli abitanti rimasti\’\’. Prima delle scosse del 26 e 30 ottobre Fabio e la moglie Lina gestivano la pasticceria e il panificio L'Albero del Pane. 7 dipendenti, l'agenda degli ordinativi fitta di ''rinfreschi per battesimi, comunioni e matrimoni''. In meno di tre mesi è cambiato tutto. ''Ci siamo dovuti riconvertire: il panificio è in zona rossa, qui prepariamo colazioni veloci, piadine, ma le nostre paste e le torte alla ricotta non mancano mai''. Il capannone prefabbricato del nuovo forno è già in costruzione. ''La bufera di neve ci ha rallentato, ma dovremmo riuscire a mettere la copertura entro fine gennaio''.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here