Tesmec SpA: Il bilancio 2017 registra un forte incremento di tutti gli indicatori economici

889
This is a picture edited by Tesmec S.p.A.

Il Consiglio di Amministrazione di Tesmec S.p.A. (MTA, STAR: TES), a capo di un gruppo leader nel mercato delle infrastrutture relative al trasporto e alla distribuzione di energia elettrica, dati e materiali, riunitosi in data odierna sotto la Presidenza di Ambrogio Caccia Dominioni, ha esaminato e approvato il Progetto di Bilancio d’Esercizio e il Bilancio Consolidato al 31 dicembre 2017, che chiude con un’ulteriore significativa crescita dei ricavi, delle marginalità ed una robusta riduzione dell’indebitamento finanziario netto. Il risultato netto, che risulta in miglioramento del 63,7% rispetto allo scorso esercizio, continua ad essere negativamente influenzato da differenze cambio per 4,7 milioni di euro e incorpora l’effetto negativo dell’adeguamento delle imposte differite attive nette a seguito della riforma fiscale americana, per un importo pari a 0,8 milioni di euro.

Il Presidente e Amministratore Delegato Ambrogio Caccia Dominioni ha così commentato: “Nel quarto trimestre 2017 si è ulteriormente rafforzato il trend positivo dei risultati del Gruppo in termini di volumi, marginalità, generazione di cassa e raccolta ordini. Il Gruppo ha conseguito risultati positivi in tutti i settori in cui opera, beneficiando di una ripresa degli investimenti infrastrutturali sia nei Paesi Emergenti, grazie agli incrementi dei prezzi delle materie prime e alla debolezza del dollaro, che nelle economie più sviluppate, dove le politiche fiscali espansive costituiscono un importante volano alla ripresa degli investimenti. Il Gruppo si sta rivolgendo sempre di più ai segmenti Premium di mercati leader per qualità e innovazione, quali quello italiano ed europeo, che riconoscono il valore aggiunto delle soluzioni Tesmec “4.0” e che stanno registrando un incremento degli investimenti in settori ad alto contenuto tecnologico.”

Al 31 dicembre 2017, il Gruppo Tesmec ha realizzato Ricavi consolidati pari a 175,6 milioni di euro, in aumento del 36,6% rispetto ai 128,5 milioni di euro al 31 dicembre 2016. Tale risultato conferma l’intensificarsi della crescita a doppia cifra del fatturato consolidato, già evidenziata nei trimestri precedenti, ed è comune a tutti e tre i settori in cui viene raggruppata l’attività del Gruppo.

 

Risultati al 31 dicembre

Ricavi delle vendite e delle prestazioni

(In migliaia di Euro)

2017

2016

Variazione

Energy[4]

52.069

42.212

23,4%

Incidenza su Ricavi Consolidati

29,7%

32,8%

 

Trencher

106.047

80.571

31,6%

Incidenza su Ricavi Consolidati

60,4%

62,7%

 

Ferroviario

17.443

5.730

204,4%

Incidenza su Ricavi Consolidati

9,9%

4,5%

 

Consolidato

175.559

128.513

36,6%

 

In dettaglio, al 31 dicembre 2017 il settore Energy ha registrato Ricavi pari a 52,1 milioni di euro, in aumento del 23,4% rispetto ai 42,2 milioni di euro conseguiti al 31 dicembre 2016, grazie a una generale ripresa degli investimenti infrastrutturali nei Paesi Emergenti. Per quanto riguarda il settore Ferroviario, i Ricavi al 31 dicembre 2017 ammontano a 17,5 milioni di euro, in aumento del 204,4% rispetto ai 5,7 milioni di euro registrati al 31 dicembre 2016. Il miglioramento è attribuibile alla fase di sviluppo delle attività di produzione relative agli importanti ordinativi acquisiti a fine 2016. Il fatturato del settore Trencher al 31 dicembre 2017 ammonta a 106,0 milioni di euro, in aumento del 31,6% rispetto agli 80,6 milioni di euro del 2016, con un forte incremento che si è manifestato soprattutto nel corso dell’ultimo trimestre grazie alla crescita dei ricavi per attività di servizio nei settori delle Energie Rinnovabili e delle Telecomunicazioni.

A livello geografico, nell’esercizio 2017 il Gruppo ha realizzato più dell’80% dei ricavi all’estero. Un importante contributo arriva dall’Italia, consentendo un miglior bilanciamento tra quota export e mercato interno. Si prevede che tale trend sia in ulteriore miglioramento nei prossimi anni a seguito del forte impulso all’innovazione nei mercati ad alto contenuto tecnologico ai quali il Gruppo si rivolge con le sue soluzioni avanzate, in particolare nel settore Ferroviario, con veicoli intelligenti e “green”, e nel settore Energy, con sistemi avanzati di gestione reti. Nel segmento BRICs e Others si segnalano le importanti commesse nel settore Energy acquisite in Brasile ed in Indonesia.

Al 31 dicembre 2017, il Margine Operativo Lordo Adj (EBITDA Adj), al netto di costi non ricorrenti per 0,4 milioni di euro ed alla riclassificazione dei costi di affitto dell’immobile di Grassobbio per 1,8 milioni di euro che fino al 2016 non erano inclusi nell’Ebitda, è pari a 22,9 milioni di euro, in incremento del 97,4% rispetto agli 11,6 milioni di euro registrati al 31 dicembre 2016. Al lordo dei costi non ricorrenti e dei costi d’affitto, l’EBITDA è pari a 20,7 milioni di euro, in incremento del 143,5%, rispetto agli 8,5 milioni di euro registrati al 31 dicembre 2016. Il Gruppo ha effettuato consistenti investimenti in Ricerca & Sviluppo, che non hanno inciso sulla reddittività, beneficiando di importanti contributi nei vari Stati a forte innovazione. In particolare, i maggiori investimenti si sono focalizzati sull’ampliamento dell’offerta nei nuovi settori dell’automazione, della manutenzione delle linee elettriche e delle attività di servizio, oltre che sul rinnovamento della gamma dei prodotti nei settori tradizionali della Tesatura e dei Trencher.

Il Risultato Operativo (EBIT) al 31 dicembre 2017 del Gruppo Tesmec è pari a 6,1 milioni di euro, in miglioramento del 241,7% rispetto ad un valore negativo per 4,3 milioni di euro al 31 dicembre 2016, grazie al trend positivo registrato dall’operatività del Gruppo.

Gli oneri al netto dei proventi finanziari del Gruppo Tesmec nel 2017, depurati da 4,7 milioni di euro di differenze cambio negative (prevalentemente non realizzate e relative a finanziamenti erogati a società controllate) che al 31 dicembre 2016 avevano un valore positivo per 1,7 milioni di euro, sono pari a 2,9 milioni di euro, rispetto al 31 dicembre 2016 quando erano 4,3 milioni di euro e realizzano quindi una riduzione del 31,4%.

Il Risultato Netto consolidato al 31 dicembre 2017 è negativo per 1,4 milioni di euro, in miglioramento del 63,7% rispetto ad un Risultato Netto negativo per 3,8 milioni di euro al 31 dicembre 2016. Su tale valore hanno inciso negativamente sia l’impatto delle differenze cambio in gran parte non realizzate, pari a 4,7 milioni di euro, sia l’adeguamento delle imposte differite attive nette per 0,8 milioni di euro a seguito della riforma fiscale americana che ha ridotto il tax rate da 34% a 21%.

Il capitale circolante netto del Gruppo Tesmec al 31 dicembre 2017 è pari a 60,8 milioni di euro, rispetto ai 76,0 milioni di euro al 31 dicembre 2016 e registra una riduzione del 20,0% nonostante l’aumento dei ricavi pari al 36,6%.

L’Indebitamento Finanziario Netto al 31 dicembre 2017 del Gruppo Tesmec è pari a 85,2 milioni di euro, in miglioramento dell’11,9% rispetto ai 96,7 milioni di euro al 31 dicembre 2016.

Al 31 dicembre 2017, il Portafoglio Ordini Totale del Gruppo Tesmec ammonta a 195,0 milioni di euro – dei quali 24,4 milioni di euro riferiti al settore Energy, 68,5 milioni di euro al settore Trencher e 102,1 milioni di euro al settore Ferroviario – in crescita del 7,73% rispetto ai 181,0 milioni di euro al 31 dicembre 2016.

BILANCIO SEPARATO DELLA CAPOGRUPPO TESMEC S.P.A.

La capogruppo Tesmec S.p.A. chiude l’esercizio 2017 con Ricavi Netti pari a 90,9 milioni di euro, in crescita del 15,4% rispetto ai 78,8 milioni di euro al 31 dicembre 2016.

L’EBITDA di Tesmec S.p.A. nell’esercizio 2017 è pari a circa 11,6 milioni di euro, in aumento del 51,8% rispetto ai 7,6 milioni di euro conseguiti al 31 dicembre 2016.

L’Utile Netto della Capogruppo al 31 dicembre 2017 è pari a 1,9 milioni di euro, in incremento del 20,9% rispetto agli 1,6 milioni di euro registrati al 31 dicembre 2016.

L’indebitamento finanziario netto della Capogruppo al 31 dicembre 2017 è pari a 40,9 milioni di euro, rispetto ai 48,0 milioni di euro al 31 dicembre 2016.

PRINCIPALI EVENTI DEL PERIODO E SUCCESSIVI ALLA CHIUSURA DEL PERIODO

In data 20 dicembre 2017, Tesmec ha dato avvio ai lavori per la costruzione di un nuovo sito produttivo che sarà attivo nel business ferroviario, con l’acquisto del relativo terreno situato all’interno dell’area industriale di Monopoli (Bari). In dettaglio, il nuovo e moderno sito, che andrà a sostituire i due in affitto attualmente in uso nella stessa Monopoli, sarà attivo nella progettazione, prototipazione e fabbricazione di carri ferroviari per l’installazione e la manutenzione della catenaria ferroviaria, unità multifunzione, locomotive di manovra e unità di potenza per treni passeggeri. L’investimento previsto per il nuovo capannone industriale sarà pari a circa 6 milioni di euro. Sono, inoltre, previsti investimenti per Ricerca & Sviluppo e prototipi nel settore ferroviario. Entrambi gli investimenti godranno di contributi a fondo perduto rinvenienti dai Contratti di Programma della Regione Puglia che, a metà dicembre 2017, ha trasmesso l’atto dirigenziale di ammissione alla fase successiva di presentazione del progetto definitivo.

Directindustry

In data 31 gennaio 2018, Tesmec S.p.A. ha acquistato un’ulteriore partecipazione pari al 13,2% del capitale sociale di Marais Technologies SAS (“Marais”), società francese – già controllata da Tesmec con una partecipazione pari al 52,8% del capitale sociale – a capo di un gruppo internazionale leader nei servizi di noleggio e costruzione di macchinari per infrastrutture nei settori telecomunicazioni, elettrico e gas. Tale partecipazione è stata ceduta a Tesmec da C2D SAS, società riconducibile a Daniel Rivard, attuale presidente di Marais, in esecuzione di più ampi accordi (di cui ai comunicati stampa del 27 marzo 2015, 8 aprile 2015 e 22 dicembre 2015) conclusi, da un lato, da Tesmec e, dall’altro lato, da Daniel Rivard e C2D. Il prezzo corrisposto per l’acquisto della partecipazione è stato pari a 1,5 milioni di euro.

EVOLUZIONE PREVEDIBILE DELLA GESTIONE

Sulla base del positivo andamento della raccolta ordini registrato dal Gruppo nella seconda metà del 2017 si prevede di poter raggiungere nel 2018 un target di ricavi intorno a 200 milioni di euro, con conseguente miglioramento della marginalità grazie al migliore assorbimento dei costi fissi. Una ripresa dell’inflazione legata al costo delle materie prime ed un dollaro che è previsto rimanere agli attuali livelli di cambio con l’euro potrebbero, invece, influire negativamente sulla marginalità. Per quanto riguarda la raccolta ordini, è prevista rimanere costante, mantenendo il portafoglio ai livelli attuali ma con scadenze più ravvicinate e maggiore diversificazione sui diversi settori operativi in cui il Gruppo è attivo. Ci si attende, inoltre, una crescita strutturale nei mercati più sviluppati, in particolare in Italia e in Europa, con clienti di primaria importanza che riconoscono il valore aggiunto delle soluzioni “smart” del Gruppo, caratterizzate da qualità elevata ed alto contenuto digitale in linea con la filosofia “Industria 4.0”.

Azioni proprie

Alla data del presente comunicato la Società detiene n. 4.711.879 azioni proprie, pari al 4,40% del Capitale Sociale.

Altre Delibere

La Società comunica che con efficacia dalla data odierna il Direttore Finanziario e Dirigente Preposto alla redazione dei documenti contabili Andrea Bramani, in Tesmec dal 2008, lascerà il proprio incarico per cogliere nuove sfide professionali.

Il Gruppo ringrazia Andrea Bramani per il contributo fornito con la sua esperienza e le sue competenze al raggiungimento di importanti traguardi per la Società tra cui la Quotazione in Borsa nel 2010.

La Società ha già individuato un successore di elevato profilo il cui nominativo verrà comunicato al mercato nei termini richiesti. La struttura organizzativa assumerà temporaneamente tutte le deleghe.

In conformità a quanto richiesto dalle Istruzioni al Regolamento dei Mercati di Borsa Italiana, si informa che, alla data odierna, Andrea Bramani detiene 20.000 azioni ordinarie della Società.

Nella seduta odierna, il Consiglio d’Amministrazione di Tesmec ha, inoltre, approvato la Relazione sul Governo Societario e gli Assetti Proprietari ed ha condotto la verifica periodica del possesso del requisito di indipendenza in capo ai componenti del Consiglio di Amministrazione, ritenendo che non si siano determinati mutamenti nella situazione già comunicata al mercato.

Il Consiglio di Amministrazione di Tesmec ha, inoltre, approvato la politica di remunerazione degli amministratori e dei dirigenti con responsabilità strategiche e la Relazione annuale sulla Remunerazione che sarà presentata agli Azionisti.

Il Consiglio di Amministrazione di Tesmec S.p.A. ha deliberato di non proporre all’Assemblea la distribuzione di dividendi con l’obiettivo di privilegiare il rafforzamento della struttura patrimoniale del Gruppo.

Il Consiglio di Amministrazione di Tesmec ha, infine, deliberato di convocare l’Assemblea Ordinaria degli Azionisti della Società in unica convocazione per il giorno 06 aprile 2017, alle ore 10:30, presso la sede operativa di Grassobbio.

Gli Azionisti saranno chiamati a deliberare su:

–        Presentazione del Bilancio Consolidato del Gruppo Tesmec e approvazione del Bilancio d’Esercizio al 31 dicembre 2017 e delle relative relazioni, compresa la Dichiarazione Consolidata di carattere non finanziario; destinazione del risultato dell’esercizio; deliberazioni inerenti e conseguenti.

–        Consultazione sulla prima sezione della relazione sulla remunerazione ai sensi dell’articolo 123-ter, comma 6, D. Lgs. 58/1998.

–        Proposta di autorizzazione all’acquisto e alla disposizione di azioni proprie, previa revoca della delibera assunta dall’Assemblea del 28 aprile 2017; deliberazioni inerenti e conseguenti.