Verso una Blue Growth Ecosostenibile

1297

Gli oceani rappresentano la più importante riserva di risorse naturali del pianeta. Forniscono il 40% delle proteine necessarie alla nutrizione umana, producono il 50% dell’ossigeno che respiriamo, sostengono in modo determinate la sopravvivenza di un miliardo di persone e contengono risorse energetiche e minerarie tali da poter sostenere la crescita demografica globale. La crescita blu (blue growth) è la strategia a lungo termine sviluppata dall’Unione europea per sfruttare il potenziale dei mari e avviare una crescita economicamente ed ecologicamente sostenibile. Per farlo occorre mantenere la salute degli ecosistemi mari e oceani. Gli ecosistemi marini sono sotto una pressione crescente da parte dell’Uomo, sia in termini di utilizzo diretto delle risorse (ad esempio pesca, estrazione mineraria, idrocarburi) sia di impatti indiretti, quali i cambiamenti globali. Varie attività umane colpiscono gli ecosistemi marini sia costieri, sia profondi. La funzionalità del pianeta blu è quindi a rischio e con essa la possibilità di godere dei beni e dei servizi ecosistemici offerti dal mare. Le opzioni che abbiamo di fronte sono essenzialmente tre: la prima consiste nel continuare senza fare nulla (“business as usual”) negando l’evidenza dei cambiamenti in corso; la seconda nel proteggere gli oceani e ridurre le pressioni per consentire un recupero (resilienza) naturale; la terza è quella di intervenire attivamente con il restauro ambientale. Il tutto in un quadro di mitigazione dell’impatto dei cambiamenti globali. La scienza ha dimostrato che la biodiversità è il miglior alleato dell’Uomo per mitigare gli impatti dei cambiamenti in corso e offrire maggiori opportunità di benessere. Tuttavia in molti casi i danni operati dall’Uomo non sono recuperabili in modo naturale. Si rendono necessarie nuove soluzioni su scala industriale (e.g., ingegneria ecologica e investimenti in risorse di capitale naturale) per ripristinare gli habitat degradati dell’ecosistema marino. Ci stiamo affacciando a una nuova era di opportunità di crescita, di lavoro e di formazione basate sullo sviluppo di un’economia del mare eco-sostenibile. In questa relazione illustrerò come formazione, ricerca e sviluppo industriale possono cooperare per un nuovo approccio all’utilizzo delle risorse naturali, avendo il mare come “banco di prova”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here