Nel mirino dei ladri SUV e citycar

199

Il report annuale della società americana conferma la recrudescenza del business criminale, sempre più concentrato in alcune aree del Paese (Campania e Lazio in testa) e oggi orientato decisamente verso le citycar più vendute ed i SUV. Aumentano i recuperi hi-tech di vetture rubate trasportate su nave, all’interno di container, verso il mercato africano.

 2.363 veicoli rubati recuperati (per un valore complessivo di quasi 52 mln di euro), grazie alla tecnologia in radiofrequenza non schermabile, alla partnership con le forze dell’Ordine, a una centrale sempre operativa e all’intervento sul campo di un team di specialisti nella lotta contro i furti d’auto.

E’ questo il principale dato che emerge dal report “Stolen Vehicle Recovery 2018” elaborato da LoJack, la società americana parte del colosso CalAmp e leader nei servizi telematici e nel recupero di veicoli rubati.

A fronte di un fenomeno che, pur se in graduale calo negli anni, continua a vedere il nostro Paese in testa alle classifiche europee, lo scorso anno LoJack ha registrato un nuovo record nelle attività di recupero dei veicoli dotati dei sistemi in radiofrequenza, più che raddoppiate rispetto al 2017: +58% di veicoli rubati restituiti ai legittimi proprietari.

Gli oltre 220.000 dispositivi installati a bordo, delle vetture e delle moto più appetibili per il business dei furti forniscono oggi un osservatorio unico sull’evoluzione del fenomeno, negli ultimi anni in costante movimento.

Lo scorso anno si è confermato il trend di crescita delle sottrazioni dei SUV (+62% vs il 2017), come testimonia la presenza nella top ten dei veicoli più rubati di ben 4 Sport Utility Vehicle: Range Rover Evoque, Jeep Renegade, Toyota Rav 4, Nissan Qashqai.

Nella graduatoria generale il modello della Land Rover è preceduto solo dalle due vetture regine del mercato delle vendite, Panda e 500.

FCA detiene il primato dei furti rispetto agli altri brand (nell’ordine Land Rover, Toyota, Ford e BMW).

Ma quali sono le regioni più a rischio? La mappa dei furti conferma l’incontrastata supremazia della Campania, dove si è registrato il 45% dei casi che hanno coinvolto veicoli dotati di dispositivi LoJack, seguita da Lazio (21%), Puglia (14%), Lombardia (9%) e Sicilia (4%).

In queste cinque regioni si è concentrato il 93% del totale degli episodi criminali.

Osservando i dati sui furti d’auto, emergono oggi con chiarezza due indicazioni: la polarizzazione del fenomeno verso le utilitarie più diffuse sul mercato e gli Sport Utility Vehicle e la rapidità della nostra organizzazione nel comprendere la tipologia di furto e quindi nell’effettuare il recupero del veicolo prima che di esso si perdano le tracce”, ha commentato Maurizio Iperti – AD di LoJack Italia, “Soprattutto in alcune aree del nostro Paese, un efficace supporto tecnologico e un tempestivo intervento sul campo, prima che l’auto venga cannibalizzata o eventualmente instradata su traffici internazionali, costituiscono requisiti decisivi per garantire il recupero della vettura. Senza questi strumenti, come certificano anche i dati del Ministero dell’Interno, le possibilità di recuperare l’auto sottratta si riducono drasticamente”.

Quattro si confermano i punti di forza delle soluzioni LoJack:

  • Tecnologia a prova di ladro: dispositivi installati da una rete di installatori certificati, collocabili in oltre 20 differenti posizioni e dotati della tecnologia in radiofrequenza non schermabile, in grado di superare anche le barriere fisiche (container, parcheggi sotterranei e garage) e di rilevare con precisione l’esatta posizione del veicolo;
  • Partnership unica con le Forze dell’Ordine, sui cui mezzi sono installate speciali unità per rintracciare e recuperare rapidamente i veicoli rubati;
  • Centrale Operativa 24/7, composta da personale esperto per fornire informazioni tempestive e dettagliate al team sicurezza per supportare le attività di ricerca e fornire costanti aggiornamenti al proprietario del veicolo; è in grado di rilevare allarmi derivanti dalla tecnologia installata a bordo che evidenzino un’anomalia, come ad esempio il distacco batteria o l’ingresso in aree segnalate come zone a rischio (zone portuali, altre zone considerate rischiose in base alla geografia dei recuperi).
  • Team Sicurezza, attivo 24 ore su 24, ex rappresentanti delle Forze dell’Ordine presenti sul territorio 24 ore su 24 per coordinare le attività di recupero sul campo confrontandosi con le Forze di Polizia durante le fasi cruciali di rilevamento e recupero del veicolo rubato, garantiscono la localizzazione e la restituzione del veicolo al proprietario.

Il recupero dell’anno: 3 Evoque e 1 Renegade a bordo di un container

Un caso decisamente eccezionale ed esemplificativo dell’efficacia dei sistemi in radiofrequenza si è registrato poche settimane fa in Calabria, quando prima la centrale operativa LoJack e poi un intervento sul campo hanno rilevato all’interno dell’ampio perimetro del porto di Gioia Tauro il segnale di una vettura (Range Rover Evoque) rubata pochi giorni prima a Napoli.

Il rilevamento ha consentito di identificare, in una distesa senza soluzione di continuità di tre piani di container lunga circa 14 km quadrati, il container “incriminato” che, una volta aperto dalla Polizia di Stato, ha rivelato un prezioso bottino: oltre al SUV dotato del dispositivo in radiofrequenza, altri tre veicoli vi erano stati stipati (2 Range Rover Evoque e 1 Jeep Renegade), per un valore complessivo del recupero di circa 260mila euro.

Il container era stato imbarcato al porto di Napoli e, dopo la tappa a Gioia Tauro, avrebbe fatto rotta verso gli Emirati Arabi. Le successive indagini della Polizia e dell’Interpol hanno portato al rinvenimento di altri container contenenti auto rubate e all’arresto di due cittadini del Gambia che, per conto di una ditta di spedizioni (creata pochi mesi prima e specializzata nell’export di auto rubate) si preparavano a inviare con la stessa tecnica altri veicoli rubati in Africa.

A seguito di ulteriori indagini, un altro container, spedito dalla stessa società e probabilmente contenente altre vetture rubate, è stato posto sotto sequestro in Gambia.

Dal suo arrivo in Italia LoJack ha supportato tecnologicamente e sul campo le Forze dell’Ordine nel recupero di oltre 8.000 veicoli per un valore complessivo di 173 mln di euro, cui si aggiungono altri 350 veicoli rinvenuti e 260 arresti portati a termine nel corso delle operazioni.

Da due anni LoJack ha affiancato all’attività tecnologica e strategica di rilevamento e recupero delle auto rubate, l’offerta di servizi telematici (LoJack Connect) che rendono connessa la vettura, con specifiche soluzioni per i consumatori finali e il segmento business (Case auto, Concessionari, noleggiatori, compagnie assicurative e fleet manager).