80 anni dall’inizio della Seconda Guerra Mondiale

1314
German invasion of Poland, 1 September 1939, using 45 German divisions and aerial attack. By 20 September only Warsaw held out, but final surrender came on 29 September. (Photo by Ann Ronan Pictures/Print Collector/Getty Images)

Il primo settembre 1939 l’esercito tedesco, su ordine di Hitler, varca la frontiera polacca. La Germania scatena contro la Polonia un’offensiva congiunta di forze corrazzate e aviazione: è la prima applicazione del concetto della guerra-lampo. A metà settembre, le armate di Hitler arrivano alle porte di Varsavia e la capitale polacca capitola alla fine del mese. Gran Bretagna e Francia, alleate della Polonia, dichiarano guerra alla Germania, mentre l’Italia si schiera temporaneamente in una posizione di non belligeranza. È l’inizio dell’orrore della Seconda Guerra Mondiale, un massacro durato sei anni, che ha provocato 55 milioni di vittime a livello planetario, di cui 40 milioni in Europa.

È nella città polacca di Wielun, la prima ad essere colpita dai bombardamenti della Luftwaffe il primo settembre del 1939 che il presidente della Repubblica Tedesca Frank Walter Steinmeier, ha partecipato alle celebrazioni dell’80 esimo anniversario dell’inizio della seconda guerra mondiale. La cerimonia è iniziata alle 4.40 ora locale, l’ora esatta in cui secondo i sopravvissuti la prima di una lunga serie di bombe è caduta sulla città inerme.

”Chino la testa con dolore di fronte alla sofferenza delle vittime – ha detto Steinmeier – chiedo perdono per la colpa storica della Germania e riconosco la nostra permanente responsabilità ”

Il presidente polacco, Andrzej Duda, ringraziando Steinmeier per la sua presenza, ha ricordato l’attacco tedesco come, “un atto di barbarie”.

Presente alla cerimonia anche il vice di Trump, Mike Pence, che ha sostituito il capo della Casa Bianca impegnato con l’emergenza dell’uragano Dorian.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here