CNA sui dati INPS: “Ora priorità al taglio del Cuneo Fiscale”

160

Santini: “Il Governo ad ottobre ad Ancona per discutere anche di questo”

“I positivi dati sulla stabilizzazione del rapporto di lavoro presentati dall’Osservatorio sul Precariato dell’Inps sono senza dubbio confortanti e a tratti sorprendenti, ma la zona grigia che ancora sussiste fra i costi reali di un collaboratore e il peso della tassazione e della burocrazia per le imprese rimane una priorità assoluta: al primo posto c’è il taglio del cuneo fiscale.”

Il direttore di CNA Ancona, Massimiliano Santini, commenta con favore il trend positivo sulle assunzioni a tempo indeterminato registrato dall’INPS ma mette in guardia sui costi reali per le imprese. “Registrare un raddoppio di stabilizzazione in 5 anni è un dato sorprendente, anche se non sufficiente per colmare la crisi occupazionale che ci trasciniamo dietro dal 2008. L’importante differenziale fra contratti a termine e contratti a tempo indeterminato potrebbero nascondere una sostanziale polverizzazione del rapporto di lavoro nelle varie forme flessibilità concesse dai regimi in essere. La vera sfida quindi è creare sempre più le condizioni per ridurre al minimo questo gap e la soluzione è intervenire drasticamente sul Cuneo Fiscale.”

Il peso dei costi indiretti per le imprese è al centro dell’operato di CNA sui tavoli territoriali e nazionali. Il recente lancio del Bonus Lavoro CNA ne è un esempio concreto: “Dobbiamo lavorare sempre più su questo aspetto. Creare tutti i presupposti e le premialità per la crescita delle imprese che investono nel capitale più importante che abbiamo: le persone. Ecco il senso del Bonus Lavoro CNA, premiare chi crede nelle persone. Ma questo non basta e in occasione della visita del Governo ad Ancona, il prossimo 26 ottobre, ospiti dell’Assemblea nazionale CNA, porteremo nuovamente il tema sul piatto del confronto.”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here