Stella Maris Ancona, Anima della Festa del Mare

138

L’edizione 2019 si chiude con numeri record, il ringraziamento del presidente Pignataro a enti, istituzioni e sponsor

Ancona, la città, il suo porto e gli anconetani: un legame inscindibile. Tante volte abbiamo avuto modo di analizzare e sviscerare i tantissimi temi che girano intorno a questi concetti e, forse non a caso, proprio mentre la nave Amerigo Vespucci è ormeggiata all’interno dello scalo Dorico suggellando, ancora una volta il rapporto d’amore fra la città e il mare, abbiamo avuto modo di incontrare il presidente della Stella Maris di Ancona Mattia Pignataro che, anche per questo evento, sempre attraverso l’associazione è stato attore propositivo. “Anche per questa iniziativa abbiamo cercato di dare, nei limiti del nostro agire, un contributo per la buona riuscita dell’evento – ha dichiarato il presidente Pignataro – avere in porto l’Amerigo Vespucci la nave più bella del mondo è sempre un grande onore e una grande festa”.

A proposito di feste… quest’anno con un tempo decisamente più clemente rispetto al 2018 come è andata la 37 esima edizione della Festa del Mare?

“Dice bene, il tempo è stato dalla nostra, aggiungo finalmente, e la festa è riuscita perfettamente”.

E i numeri?

“Numeri da capogiro per l’edizione 2019. Oltre 16.000 visitatori in totale nei 2 giorni.  Un sabato e una domenica con un programma ricreativo ricco di spettacoli in acqua da ammirare lungo le banchine del Porto Antico di Ancona e tante gustose novità per l’area food con stand gastronomici. Un ringraziamento per il bel risultato ottenuto va da parte mia a tutte gli enti e le istituzioni coinvolte ’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Centrale, la Capitaneria di Porto di Ancona, la Arcidiocesi di Ancona e Osimo, il Comune di Ancona e la Regione Marche. Un ringraziamento ulteriore e sentito va, naturalmente a tutti gli sponsor privati, senza i loro contributi l’edizione di quest’anno non avrebbe potuto presentare un programma così variegato”.

Avete già in mente alcune iniziative specifiche per il 2020?

“È ancora presto per parlare dell’edizione 2020, ma seguiremo sicuramente la linea tracciata in questa edizione, nel frattempo continueremo a lavorare sul welfare portuale che rappresenta la nuova frontiera dell’associazione. Vogliamo supportare non solo i marittimi, ma essere anche vicini a chi in porto lavora tutti i giorni. Una nuova missione che ci siam o voluti assegnare poiché i nostri soci sono quasi esclusivamente lavoratori del porto.  Le attività di fund raising vengono svolte per lo più tramite l’organizzazione di eventi benefici come il “Presepe del porto” e “Babbo Natale vien dal mare”, siamo ad ottobre e adesso ci stiamo concentrando su queste due iniziative”.

Gabriele Costantini

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here