Il FVG punta sulle marine regionali

292

“Stiamo lavorando costantemente sui temi  dei
dragaggi mentre sul fronte delle concessioni demaniali marine
l’impegno è congiunto con l’assessore Sebastiano Callari che ha
competenza sulla materia e che  già sta seguendo la problematica.
Sono questioni complesse che stiamo affrontando in modo deciso
anche attraverso interlocuzioni a livello nazionale, per trovare
soluzioni efficaci affinché la situazione si sblocchi. Si tratta
di due temi considerevoli per la nostra economia sui quali
potremmo valutare ulteriori possibili interventi normativi
regionali volti a sostenere un comparto rilevante per l’intera
economia del Friuli Venezia Giulia e non solo per il settore
turistico”.

Lo ha detto, a Grado, l’assessore regionale alle Attività
produttive e al Turismo, Sergio Emidio Bini, durante l’assemblea
dei soci della rete di imprese Fvg Marinas i quali hanno
manifestato, in particolare, le preoccupazioni per il  futuro
delle concessioni del diporto nautico la cui proroga fino al 2033
è bloccata da una recente sentenza del Consiglio di Stato.

“Sono convinto – ha detto Bini – che l’impegno della politica e
la sinergia con il sistema dei marina possa portare al
raggiungimento di risultati concreti. Il tema della nautica è un
asse strategico tenuto anche conto che siamo una delle regioni
che detiene il primato di numeri di posti barca per km di costa.
L’Amministrazione regionale intende dunque rafforzare gli
investimenti sul comparto tanto che in materia di dragaggi ha
previsto investimenti di circa 10 mln di euro”.

L’esponente della Giunta Fedriga ha evidenziato come ci siano
“normative  che stanno rallentando le attività del comparto
quando invece potrebbero essere incrementate e accrescere la
competitività; su questi aspetti siamo già impegnati ad aprire un
tavolo con i ministeri competenti per trovare soluzioni efficaci”.

Nel corso dell’incontro, a cui ha partecipato anche il
consigliere regionale Mauro Bordin, i marina del Fvg hanno
evidenziato anche le problematiche legate al Dm 173/2016
“regolamento recante modalità  e criteri tecnici per
l’autorizzazione all’immersione in mare dei materiali di escavo
dei fondali marini” evidenziando criticità e proposte di
intervento.

FVG Marinas è la rete dei 20 porti turistici dell’Alto Adriatico
in Friuli Venezia Giulia che unisce i marina del litorale
regionale (Lignano Sabbiadoro, Aprilia Marittima, San Giorgio di
Nogaro, Marano Lagunare, Palazzolo della Stella, Grado,
Monfalcone, Sistiana, Trieste e Muggia)  con circa 7000 posti
barca, 200 addetti e una provenienza di diportisti in prevalenza
italiani (61%) seguiti da austriaci (20%) e tedeschi (14%).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here