Da domenica le Marche tornano in zona gialla, parola d’ordine prudenza

590

Ormai da giorni i marchigiani, in primis il governatore Francesco Acquaroli agognavano al ritorno nella fascia di rischio meno elevato, abbandonando il più restrittivo arancione. Il Comitato tecnico scientifico si è riunito oggi per valutare la gravità del contagio nelle diverse regioni d’Italia, ed eventualmente cambiare i colori delle zone (rosso, giallo e arancione, come è noto) tenendo conto di 21 indicatori, tra cui numero di casi sintomatici, ricoveri e il famigerato indice Rt. E ora il responso è arrivato e l’attesa per le Marche è finita: l’allentamento delle misure scatterà domenica 6 dicembre, proprio nei giorni che precedono le festività natalizie (la prima è il ponte dell’Immacolata) e il Dpcm Natale che tanto fa discutere.

“Finalmente è arrivata la conferma che tutti aspettavamo – ha scritto il Presidente Acquaroli nel suo profilo Facebook –  da domenica torniamo in “zona gialla”. Questa notizia ci fa piacere ma non deve essere considerata come una esenzione da ogni responsabilità. Il virus continua a circolare e ogni giorno registriamo un numero di soggetti positivi ancora cospicuo. Se non è necessario, dunque, dobbiamo cercare evitare luoghi di potenziale affollamento, dobbiamo tutti impegnarci al massimo per far sì che la nostra regione resti stabilmente in fascia gialla. Mi raccomando, il colore della nostra regione è nelle vostre mani. Vi prego di aiutarci!”.

Soddisfatto anche l’assessore Saltamartini. “È una bellissima notizia – ha dichiarato Saltamartini –  che ci attendevamo sulla base degli indici che avevamo già raccolto nella settimana corrente con l’abbassamento di quello di contagio da Covid. Il presidente Acquaroli ha ricevuto questa informazione dal ministro Speranza, quindi questa sera il provvedimento viene firmato, sabato va in Gazzetta ufficiale e da domenica sarà operativo”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here