Turismo in lutto, è morto Claudio Albonetti

2392

Lutto nel mondo del turismo alberghiero è morto Claudio Albonetti colto da un malore fatale mentre si trovava nella sua abitazione, nel giorno di Santo Stefano. Figlio di Primo Albonetti, scomparso anch’egli un anno fa circa, e pioniere assoluto del sistema turistico senigalliese.  Claudio Albonetti morto ad appena 67 anni, aveva continuato a gestire l’Hotel International, portando avanti la tradizione di famiglia, fino a due anni fa, quando poi era andato in pensione, ma aveva continuato la sua attività all’interno dell’associazione di categoria. Proprio la vita associativa ha per molti decenni caratterizzato il suo impegno prima come presidente nazionale di Assoturismo e poi, dopo la sua trasformazione, in Assohotel.

Imprenditore di valore, ma anche persona buona, di grande onestà ed altruismo, nella sua vita si è dedicato con passione e intelligenza all’attività associativa. Con Confesercenti, Assoturismo e Assohotel ha condotto e vinto battaglie cruciali per le imprese del suo territorio e di tutto il turismo italiano, cui ha dato il suo contributo anche come membro del Consiglio di Amministrazione dell’Enit.

Colui che scrive in primis e la redazione tutta di Adriaeco lo ricordano con grande affetto e stima. Tante le interviste e chicchiriate sui grandi temi del turismo o, come diceva Claudio, i turismi, al plurale, mettendo in luce le peculiarità di un’attività primaria e indispensabile per tutto il sistema economico nazionale.

Alla famiglia va ora il nostro pensiero di cordoglio per la scomparsa di un uomo che se ne è andato troppo presto, in un momento in cui il suo contributo, proprio per il settore alberghiero, era più che fondamentale.

Gabriele Costantini

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here