Economia bolognese, ribalzo previsto del 5% nel 2021

180

Gli scenari di previsione formulati da Prometeia per l’area metropolitana di Bologna a gennaio 2021 ipotizzano per l’economia bolognese nell’anno in corso una crescita del +5%. In valori assoluti si tratterebbe di un recupero di 1,7 miliardi di euro rispetto al 2020 che si è chiuso con un -9,5%, pari ad una perdita di oltre 3,5 miliardi di euro. Il recupero del pil bolognese si confermerebbe di poco inferiore al dato regionale (+5,4%) e in linea con quello nazionale (+4,9%). La crescita prevista tra il 2021 ed il 2022 (+4,2% la stima per il prossimo anno) non sarebbe comunque sufficiente per recuperare quanto perso: nel 2022 mancherebbero ancora 392 milioni per tornare ai livelli del valore aggiunto 2019. La tendenza provinciale per il 2021 sarebbe caratterizzata da una ripartenza di reddito (+3,1%) e consumi (+5,9%), supportata dal rilancio dell’interscambio commerciale (+5,6% la stima delle esportazioni per il 2021, che recupererebbero così totalmente quanto perso nel 2020). Maggiore la percentuale prevista nell’industria (+7,1% la crescita del valore aggiunto stimata) e nelle costruzioni (+9,2%). Ma mentre il settore edile potrebbe completare il recupero di quanto perso nel 2020 già in corso d’anno, per l’industria il ritorno ai livelli del 2019 sembrerebbe più lento (nel 2023 mancherebbero ancora 232 milioni di euro). Stimato in recupero anche il settore dei servizi (+4,1%) e il settore agricolo (+3,7%). Lo studio complessivo è disponibile su www.bo.camcom.it

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here