Al via la 4ª edizione Festival Percorsi

711

Un festival che valorizza i percorsi delle donne, con un filo conduttore che è quello della RIVOLUZIONE CULTURALE sul tema della violenza di genere e delle pari opportunità

 

Il Festival Percorsi cresce. Giunto alla sua quarta edizione, sceglie di assumere una veste ufficiale per il rilancio, carico di nuova energia. Si torna in presenza, sui palchi e lungo le strade delle città. Si ricalcolano i Percorsi, si corre lungo i territori e si occupano gli spazi noti alla ricerca di nuovi stimoli e suggestioni. Percorsi non si ferma, è la sua natura, cammina, viaggia, ricerca e scopre. Per offrire qualcosa di prezioso, seminare esperienze e vederle crescere negli anni con pazienza, coltivando desideri e passioni.

 

“Gettiamo semi per contrastare la violenza di genere. Il Festival Percorsi in programma dal 5 all’8 maggio è una delle tante occasioni per prevenire questo fenomeno ormai divenuto sistemico nella nostra società.” Francesca Santorelli, presidente, ha presentato così il lavoro dell’associazione Percorso Donna, perché, come ha ribadito Laura Martufi, “Si può e si deve parlare di violenza di genere in tutte le situazioni e in diversi contesti come quello di un festival. Percorsi è giunto alla sua quarta edizione e il simbolo del giglio tigrato ci fa pensare a un festival rock, carico di una nuova e dirompente energia.  Sarà un ricalcolo di percorsi per giungere in ogni luogo della nostra bella ed estesa provincia, dalla costa – Pesaro, Fano, Gabicce – all’entroterra con la nuova tappa di Urbino”.

Un ricco programma disponibile sul sito www.percorsodonna.com/percorsi che negli undici eventi porta nelle nostre città ospiti di caratura nazionale come la rockstar della fisica Gabriella Greison, che apre il Festival a Urbino la sera di giovedì 5 maggio (prenotazioni.percorsi@gmail.com); Marina Valcarenghi, la prima ad introdurre la psicoanalisi nei reparti di isolamento delle carceri e a sviluppare un suo metodo con i sex offender (senza casi di recidiva peraltro!) dialogherà con Alberto Leiss, giornalista ed esperto di storia delle donne (venerdì 6 h.15 in Provincia) in un evento che gode tra gli altri del Patrocinio del Parlamento Europeo; la presidente della Ass. nazionale Atlete Luisa Garribba Rizzitelli in dialogo con la calciatrice Raffaella Manieri in un dibattito sul superamento degli stereotipi di genere nello sport; Carlotta Vagnoli, attivista e instagrammer, dialogherà con Jennifer Guerra, scrittrice e giornalista, sul corpo femminile ancora oggi abusato e stuprato, moderate da Claudia Sarritzu (Globalist); le blogger di Mammadimerda e il loro Diritto di NON farcela per riflettere con ironia pungente sul ruolo della madre contemporanea.

E poi ancora Stefania Prandi, Lucia Ferrati, Enrico Capodaglio che portano cultura e arte  con le loro diverse professionalità attraverso la fotografia, il cinema, la poesia.

 

Elisabetta Furlani, direttrice artistica del festival, dà poi la parola alle tante autorità rappresentanti degli enti pubblici che hanno patrocinato e sostenuto Percorsi. C’è chi associa questo festival alla primavera, come Chiara Panicali consigliera con delega alle P.O. della Provincia di Pesaro e Urbino “E’ molto bello stare qui, ho sempre associato l’evento alla primavera, al cambiamento. Percorsi è cambiamento oltre a essere un valore aggiunto per il nostro territorio: l’occasione per far fiorire nuove idee”.

“Quello che è straordinario di questo programma – dice la neoassessora alle P.O. di Pesaro Camilla Murgia  – è che esplode in un territorio molto più ampio. Ciò significa che c’è una rete nella nostra provincia che percorso donna ha contribuito a tessere da 13 anni ad oggi”

Prosegue Cucchiarini per il Comune di Fano:  “Un evento di valore per il nostro territorio che ospiteremo in uno spazio molto caro al nostro comune, il Pari Centro. Il libro di Serena Ballista “Beaver come castoro” è una storia legata alla figura di Simone de Beauvoir e grazie al supporto della Casa Editrice Settenove le illustrazioni del libro diventano una mostra visitabile fino al 28 maggio”.

L’entusiasmo dilagante che portano le organizzatrici di questo festival è arrivato fino a Urbino. Ha ricordato Marianna Vetri, assessora P.O. del Comune di Urbino, com’è nata la collaborazione con l’associazione Percorso Donna “partita dall’apertura dei due punti informativi antiviolenza di Cagli e Urbino, è andata avanti con eventi più goliardici e leggeri, ma che comunque ci permettono di fare di più, di vivere questa rivoluzione culturale in ogni contesto. Per questo non potevamo non mettere a disposizione il teatro Raffaello Sanzio. Perché dove si fa cultura si fa cultura di ogni genere”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here