Tragedia in mare, affonda il rimorchiatore Franco P

412

Tragedia in mare al largo delle coste italiane prospicienti il litorale pugliese. Un rimorchiatore è affondato e al momento il bilancio è di quattri marittimi morti e di un disperso. L’allarme è scattato nella tarda serata di mercoledì 18 maggio e i soccorsi sono partiti immediatamente per cercare di raggiungere il punto esatto dell’affondamento indicato nelle richieste di mayday. L’imbarcazione al momento dell’affondamento si trovava a circa 50 miglia dalla costa di Bari, probabilmente in acque territoriali croate. Il comandante dell’imbarcazione è stato recuperato in vita.

Tra di loro ci sarebbero anche due anconetani.

Il rimorchiatore affondato è il Franco P, battente bandiera italiana, che era impegnato in un’operazione di rimorchio di un pontone sulla tratta Ancona-Durazzo. Per cause ancora da accertare, poco dopo aver superato le acque territoriali italiane, l’imbarcazione ha iniziato ad avere problemi, fino all’affondamento. L’allarme è scattato alle 21 circa, quando la centrale operativa della guardia costiera di Roma ha ricevuto l’allarme cospas-sarsat. Dalle indicazioni del gps, il rimorchiatore si trovava tra le acque di responsabilità Sar italiane e quelle croate, ma già in acque territoriali straniere.

 

La mobilitazione degli equipaggi di soccorso italiani e croati è stata immediata. Il comandante del rimorchiatore, un catanese di 63 anni, è stato portato in salvo da una nave croata, che nel momento dell’allarme si trovava nelle vicinanze. La guardia costiera ha chiesto il suo aiuto e l’uomo è stato issato a bordo poco prima dell’arrivo di una motovedetta da Bari. Il capitano non sarebbe in pericolo di vita ma è stato trasportato all’ospedale di Bari in stato di choc. Gli aerei impegnati nella ricerca hanno individuato due corpi ma il loro recupero non è ancora avvenuto da parte dei mezzi marittimi a causa del vento forte che soffia in quel tratto di Adriatico.

 

Lo specchio di mare interessato è battuto palmo a palmo da 5 mercantili, oltre a diverse unità della guardia costiera e della guardia di finanza. Nelle ricerche sono stati coinvolti anche velivoli della marina militare, dell’aeronautica militare e dell’aviazione della Croazia. Dopo il naufragio, il pontone si trova alla deriva con 11 persone a bordo. In suo soccorso sta dirigendo un altro rimorchiatore. Da questa notte, familiari dell’equipaggio del rimorchiatore sono assistiti presso gli uffici della Direzione marittima.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here