“Appassimenti Aperti”, lì dove tutto profuma di Vernaccia Nera

216

Domenica a Serrapetrona la prima giornata della manifestazione promossa dall’Istituto Marchigiano di Tutela Vini. Degustazioni e visite in cantina per conoscere una produzione unica

 

 

Serrapetrona è pronta a vestirsi a festa per “Appassimenti aperti”, la manifestazione che ogni anno invita gli amanti del buon vino nelle terre del vitigno Vernaccia Nera. Domenica 13 novembre è in programma la prima giornata dell’evento, organizzato dall’Istituto Marchigiano di Tutela Vini in collaborazione con il Comune di Serrapetrona, con protagonisti i produttori. L’appuntamento è nella piazza del borgo, dalle ore 11 alle 19, per degustare i due volti del vitigno: la Vernaccia di Serrapetrona docg e il Serrapetrona doc; saranno presenti le cantine Alberto Quacquarini, Colleluce, Fontezoppa, Podere sul lago, Serboni, Terre di Serrapetrona e VerSer. A pochi passi dalla piazza, a partire dalle ore 14, partiranno le navette gratuite per la visita alle cantine Colleluce, Terre di Serrapetrona, Serboni e Podere sul lago, che racconteranno tutta la passione che c’è dietro questa produzione così peculiare nel panorama vitivinicolo non solo regionale, ma internazionale. Una peculiarità che tocca il gusto e la storia: i vini da vitigno autoctono Vernaccia Nera si possono produrre soltanto qui, e raccolgono l’antica e suggestiva tradizione dell’appassimento, che seleziona i grappoli più belli e li lascia riposare, appesi o disposti in cassetta, per impiegarli in fasi diverse della lavorazione.

Accanto al cuore della manifestazione, una serie di eventi renderà ancora più allettante la domenica di Appassimenti aperti. Alle 9.30, da piazza Santa Maria, partirà un tour cicloturistico, mentre alle 12, sempre in piazza, evento speciale con il Grand Tour delle Marche: un cooking-talk show dal titolo “Ambasciatori. Vernaccia di Serrapetrona & Vincisgrassi: le Marche a denominazione”.

Il borgo poi si accenderà con le animazioni circensi di Teatro Lunatico e con i mercatini dell’artigianato e delle tipicità gastronomiche locali. Appassimenti aperti è anche l’occasione perfetta per scoprire il patrimonio culturale di questo territorio: a Palazzo Claudi si potranno visitare le mostre “Fossili, il passato ritrovato” e “Claudio Claudi: un umanista del secolo breve”, mentre nella Chiesa di Santa Maria di Piazza con “Il Bello…della ricostruzione. L’arte salvata si mostra” si potranno ammirare le opere del territorio messe in sicurezza dopo il sisma. Visitabile anche la Chiesa di San Francesco, con lo splendido Polittico di Lorenzo d’Alessandro.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here