Ridurre gli imballaggi quando si fa spesa per diminuire i rifiuti urbani

241

All’Univpm ATA Rifiuti promuove il protocollo per la riduzione del packaging in collaborazione con la Pubblica Amministrazione e le associazioni di categoria

 

Se è vero che il cittadino inizia a produrre rifiuti mentre fa la spesa, è proprio da qui che bisogna partire per ridurre al minimo il packaging, diminuendo di conseguenza chili e chili di rifiuti urbani. È questo l’intento dell’Assemblea Territoriale d’Ambito ATO2 di Ancona che ha coinvolto Camera di Commercio, Università Politecnica delle Marche, Confesercenti, Confcommercio, Coldiretti e Legambiente per firmare un protocollo d’intesa volto alla riduzione del packaging, con il patrocinio della Regione Marche.

Il meeting ‘Libera la spesa’, volto alla promozione per una spesa più ecosostenibile, si terrà martedì 22 novembre alle 15 presso l’Aula Azzurra Mario Giordano dell’Università Politecnica delle Marche (Polo Monte Dago, Dipartimento di Scienze della Vita e dell’Ambiente).

“Abbiamo ideato, in sinergia con gli altri partner, il progetto Libera la spesa per prevenire la produzione di rifiuti da imballaggi monouso nel settore alimentare- spiega Massimiliano Cenerini, Direttore di ATA Rifiuti – La finalità dell’iniziativa è quella di sviluppare un’azione rivolta a promuovere l’utilizzo, presso la piccola e la grande distribuzione, di contenitori riutilizzabili per l’acquisto di prodotti freschi da banco e di retine e buste riutilizzabili per l’acquisto di frutta e verdura sfuse in sostituzione dei sacchetti usa e getta”.

I saluti istituzionali sono affidati al Direttore del Dipartimento di Scienze Univpm Francesco Regoli, all’assessore all’Ambiente del Comune di Ancona Michele Polenta, all’assessore regionale all’ambiente Stefano Aguzzi e al Presidente ATA Rifiuti Daniele Carnevali.

Parola quindi a Massimo Sbriscia e Matteo Giantomassi, rispettivamente dirigente della Regione Marche e referente per la comunicazione di ATA Rifiuti, per l’avvio dei lavori sugli imballaggi monouso.

La seconda parte del convegno verterà su ‘Scenario attuale e futuro: ricerche e analisi dei dati’ con la docente di Biologia applicata di UNIVPM, nonché Referente per la Sostenibilità, Stefania Gorbi e il presidente Legambiente Marco Ciarulli. Gino Sabatini (Presidente Camera di Commercio delle Marche), Roberto Borgiani (direttore Confesercenti Marche), Massimiliano Polacco (direttore generale Confcommercio Marche Centrali) e Maria Letizia Gardoni (Presidente Coldiretti Marche) tratteranno il tema della sostenibilità economica, portando la voce di imprese e associazioni del territorio.

Si procederà quindi alla firma del protocollo d’intesa alle ore 17.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here