Prorogare l’invio dell’autodichiarazione aiuti di Stato

187

Il Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro reitera la richiesta di
prorogare la scadenza, fissata per oggi, alla luce delle criticità di gestione dell’adempimento segnalate dagli iscritti

 

Concedere più tempo a contribuenti e imprese per l’invio telematico all’Agenzia delle
Entrate dell’autodichiarazione per gli aiuti di Stato Covid-19, prevista dai commi 14 e 15
dell’art. 1 del decreto-legge n. 41/2021 per i soggetti beneficiari degli aiuti richiamati
dall’art. 1 del decreto del Ministro dell’Economia e delle Finanze dell’11 dicembre 2021.
È la richiesta reiterata dal Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro a
fronte delle criticità emerse nella gestione della compilazione del modello e delle
segnalazioni ricevute dagli iscritti, che non consentono di poter rispettare la scadenza del
termine di invio, prevista per oggi, 30 novembre. Nonostante la semplificazione
procedurale concessa dall’Amministrazione finanziaria per la compilazione
dell’autodichiarazione, che consente (se l’ammontare complessivo degli aiuti non superi
i limiti previsti dalla Sezione 3.1 del Quadro Temporaneo) di barrare solo la casella ES
invece di dettagliare tutti i dati nel quadro A del modello e la pubblicazione, nei giorni
scorsi, di 28 FAQ utili a dare risposta alle domande più frequenti di intermediari e
contribuenti, le difficoltà legate a questo adempimento non sono mancate. A partire dal
corretto inserimento dei dati sugli aiuti all’interno delle diverse sezioni del quadro
temporaneo Ue; dall’impossibilità per diversi giorni di accedere al sito web del Registro
nazionale degli aiuti di Stato (rna.gov.it) da cui apprendere le informazioni sulla
compilazione e, infine, dalla necessità degli operatori di dotarsi di un software di
compilazione del modello, che ha incrementato costi e tempi per adempiere all’obbligo,
dovendo chiedere assistenza alle proprie software house. “Alla vigilia della scadenza del
termine per l’invio dell’autodichiarazione le evidenti difficoltà segnalateci dai Consulenti
del Lavoro tramite i Consigli Provinciali, tuttora persistenti, ci portano a reiterare la
richiesta di una proroga dell’invio per consentire a contribuenti e professionisti
intermediari di adempiere all’obbligo con maggiore serenità”, ha sottolineato il
Presidente del Consiglio Nazionale dell’Ordine, Rosario De Luca, sottolineando come
la collaborazione con l’Agenzia delle Entrate sia sempre stata proficua come è emerso,
da ultimo, nel tavolo tecnico intercorso a novembre tra i rappresentanti dei due Enti in cui
sono state fornite, tra gli altri, risposte utili alla compilazione dell’autodichiarazione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here