“Turnkey” e “Branded” residences: appartamenti da sogno chiavi in mano a Venezia, Verona e Firenze firmati Knight Frank

945
La facciata di Palazzo Ponte Piccolo a Venezia, development project a cura di Knight Frank.

Abitare in tre città iconiche, in palazzi storici ma dotati di ogni confort, servizi e tecnologie d’avanguardia. È possibile grazie ai “development projects” dell’agenzia immobiliare Knight Frank

 

Milano, dicembre 2022 _ Che cos’è oggi il meglio del lusso? Potersi concedere in libertà ciò che si ama: una casa pronta per essere abitata e completamente accessoriata di tutti i servizi necessari per vivere comodamente.

È questa la tendenza che Knight Frank e i suoi uffici sul territorio italiano hanno registrato e sviluppato. Nel loro portfolio annoverano, infatti, diverse unità di prestigio immerse nel verde, sul mare, e in particolare nel cuore delle città, con un servizio di coordinamento e personalizzazione della struttura e dell’interior design per accogliere le richieste anche dei clienti più esigenti.

Secondo Aldo Flakstad, Head of Residential Development di Knight Frank Italy, il lusso punta infatti su alcuni trend ben definiti nel mercato immobiliare, soprattutto per quanto riguarda l’utenza straniera ma con una fetta italiana che negli anni diventerà sempre più significativa.

Una di queste tendenze è la richiesta, in costante aumento, di immobili “turnkey” ovvero “chiavi in mano”, in particolare da parte degli stranieri – nello specifico statunitensi – che sognano di vivere nel bel paese in una location top e di alto livello, perfettamente ristrutturata nel rispetto dell’architettura originale ma dotata di ogni confort e di elementi contemporanei di design.

Gli acquirenti di questo genere non cercano solo un alloggio pronto per essere abitato in tempi brevi, bensì sono attratti dalla disponibilità di diversi servizi, che possono essere offerti con una formula “pacchetto” insieme all’immobile, come in un hotel o in un resort di lusso: pulizie, concierge, lounge, palestra, laundry, chef a domicilio, assistenza per la cura del verde e gestione di eventi vari.

Lo scenario non riguarda solamente persone interessate a comprare, ma anche chi desidera prendere in affitto una proprietà con tutti i services e le loyalties del caso, come accedendo ad un “programma fedeltà” che si fonda sulla ricerca della dell’esclusività e di vere e proprie experience nell’abitare.

Da questi presupposti è iniziato da tempo il fenomeno delle cosiddette “branded residences”, che negli ultimi anni ha registrato una forte crescita in tutto il mondo. Da quando la prima residenza brandizzata in assoluto – l’hotel Sherry Netherlands – ha aperto i battenti a Manhattan, New York, ritroviamo quasi un secolo più tardi più di 400 location di questo genere in tutto il mondo, la maggior parte delle quali sono alberghi di lusso adibiti a vere e proprie abitazioni private.

Secondo il Dipartimento di Ricerca di Knight Frank, in base ad un sondaggio che ha riguardato più di 900 clienti dell’agenzia di tutto il circuito internazionale, più di un terzo dei compratori internazionali – il 39% – sarebbe disposto a pagare un sovrapprezzo per le residenze brandizzate. Non solo per la loro esclusività e ricercatezza (quindi per i loro confort, i servizi e per la manutenzione e la gestione da parte della struttura), ma anche per il potenziale economico di questi progetti, visti come importanti investimenti a lungo termine.

Sul territorio italiano, l’agenzia Knight Frank è una pioniera delle “turnkey residences” (immobili chiavi in mano) e delle “branded residences” e lo dimostra il progetto di Palazzo Tornabuoni. Nato dalla ristrutturazione di un magnifico edificio del XV secolo nel cuore di Firenze, i 27 appartamenti al suo interno, interamente venduti ad oltre il 30% il valore di mercato e quasi tutti da Knight Frank, sono gestiti dal Four Season Hotel e gli inquilini usufruiscono di svariati privilegi. Aree comuni per cenare e per rilassarsi, una Spa con una piscina esterna in un giardino privato e la possibilità di aderire al Club Tornabuoni, con accessi preferenziali a musei e gallerie d’arte, oltre a uno spazio di networking dove hanno luogo diversi eventi, dalle degustazioni di vino a talk informali su economia e design.

Attualmente Knight Frank sta lavorando a tre progetti iconici nelle splendide cornici di Venezia, Verona e Firenze.

Palazzo Ponte Piccolo, Venezia

Palazzo Ponte Piccolo, Venezia

Circondato da palazzi storici, ristoranti, hotel di lusso e bellezze di ogni genere, Palazzo Ponte Piccolo si trova sull’isola della Giudecca, con vista sulla laguna e un minuto in barca da Piazza San Marco.

Il proprietario di questo gioiello è un investitore veneziano innamorato della propria città, con una vasta esperienza nel settore del real estate a livello nazionale e internazionale, e con l’ambizione di creare un posto unico per vivere un sogno: “the real Venetian dream”.

Composto da 7 appartamenti dalle eccellenti rifiniture, caratterizzati da un mix perfetto tra storia e contemporaneità, l’immobile vanta diversi privilegi per i proprietari: una Spa, una palestra, un giardino per rilassarsi, un servizio concierge e una zona di ormeggio per barche private.

Palazzo Poste, Verona

Palazzo Poste, Verona

Magnifico e prestigioso, Palazzo Poste ha al suo interno una collezione di 16 appartamenti con finiture e materiali di pregio e si trova in Piazza Viviani nel cuore di Verona, a pochi passi dall’Arena e da tutte le attrazioni della città scaligera.

Costruito negli anni ’20 del Novecento, l’edificio si inserisce nel solco della tradizione architettonica veronese portando la firma di Ettore Fagiuoli. La composizione, di stampo manierista, con l’imponente basamento in bugnato, i dettagli di fregi, cornici e decori, le due altane simmetriche e il protiro d’ingresso, evoca il prestigio tipico dei palazzi delle signorie.

La struttura è dotata di moderni servizi: un foyer con concierge, un’area fitness con palestra e Spa e un lounge cafè per gli abitanti del Palazzo.

Palazzo Stefanelli, Firenze

Palazzo Stefanelli, Firenze

Situato a Borgo Pinti, in una delle principali vie dell’asse Nord-Sud del centro storico di Firenze, questa gemma dell’immobiliare è composta da 10 unità abitative, alcune sviluppate su due piani o con un giardino o un terrazzo privato. La zona è caratterizzata dalla presenza di una moltitudine di ristoranti, bar, chiese, musei e soprattutto scorci suggestivi.

Il palazzo deriva dall’ampliamento avvenuto nella prima metà dell’Ottocento dall’allora proprietario Oreste Stefanelli, tramite fusione dell’immobile di partenza con due case a schiera adiacenti, ed è quindi una prestigiosa testimonianza storica della Firenze dell’epoca, che torna a splendere di luce propria grazie ad un oculato progetto di ristrutturazione ad opera di Pierattelli Architetture.

Tra le preziose mura dell’edificio si respirano ambienti estremamente ricercati: pavimenti in legno naturale, marmi, soffitti elevati, impreziositi da decorazioni floreali. Ogni appartamento è dotato di una cantina al piano interrato, un impianto di riscaldamento e raffrescamento che riduce i consumi, una cucina totalmente customizzabile, e all’occorrenza un bagno turco e un sistema di domotica.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here