Cibo: l’Italia è il paese più “sprecone” d’Europa

688

Basandosi sui dati della Commissione Europea, l’antenna italiana della World Organization for International Relations (Vatican.WoirNet.org) mette in evidenza che in quanto a spreco di cibo l’Italia si colloca al primo posto in Europa con 272 milioni di tonnellate di alimenti buttati negli ultimi 20 anni

Sono 272 milioni le tonnellate di cibo buttate negli ultimi 20 anni in Italia: cereali, pesce, frutta, carne, verdura, uova, patate, barbabietole da zucchero, prodotti lattiero-caseari, colture oleaginose e via dicendo. A metterlo in evidenza è l’antenna italiana della World Organization for International Relations (Vatican.WoirNet.org).

Tracciando la produzione di rifiuti alimentari dal punto di vista della catena di approvvigionamento —analizzando quindi i dati effettivi in ogni fase della catena— si scopre così che l’Italia è il Paese più “sprecone” d’Europa.

Sul podio dello sperpero seguono poi la Spagna con 235 milioni di tonnellate di cibo sprecato e la Germania che ne spreca 230 milioni di tonnellate.

I numeri sono una elaborazione basata sui dati pubblicati dal Centro Comune di Ricerca (JRC) della Commissione Europea ed utilizzano per la prima volta un metodo coerente che prende in considerazione tutta la filiera.

All’Italia va il primato assoluto nello spreco di frutta e verdura. Mentre sui cereali, con 1 milione di tonnellate di spreco medio annuo, l’Italia è seconda dopo la Germania, che ne butta circa il doppio.

L’Italia è inoltre seconda, dopo la Spagna, in quanto a spreco di colture oleaginose; ed è terza (dopo Germania e Francia) per gli sprechi di prodotti caseari e uova (rispettivamente 800 mila e 188 mila tonnellate). E poi ancora è terza, dopo Spagna e Francia, per lo spreco di pesce (400 mila tonnellate) e di barbabietola da zucchero (280 mila tonnellate).

La World Organization for International Relations (WoirNet.org) afferma dunque la necessità improrogabile di cambiamenti radicali nel modo in cui le società producono e consumano. E per questo proclama il 2023 “Anno del Cibo” (WOIR International Year of Food), sottolineando la necessità di focalizzare l’attenzione dei governi e dell’opinione pubblica su una tematica così importante per la sopravvivenza dell’intero pianeta.

«Si tratta di una questione etica, ma lo sperpero di cibo porta anche ad un ingente danno economico e ad un irreparabile danno ambientale che innesca un effetto domino capace di produrre carestie ed eventi climatici estremi» sottolinea Alejandro Gastón Jantus Lordi de Sobremonte, Presidente e Segretario Generale della World Organization for International Relations.

A livello globale, lo spreco alimentare è infatti responsabile di 5 miliardi di tonnellate di gas serra emessi in atmosfera e di un consumo di acqua pari a circa 200 miliardi di metri cubi.

«Non possiamo e non dobbiamo permettere che questo possa accadere nuovamente: dobbiamo agire subito per evitare perdite umane irragionevoli» commenta Viola Lala, press officer della World Organization for International Relations (WoirNet.org).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here