Trenton un anno da record: il fatturato più alto degli ultimi vent’anni

613

«Un  fatturato da record, il migliore degli ultimi vent’anni». Carlotta Giovetti, presidente e amministratore delegato di Trenton, l’azienda metalmeccanica ad alta tecnologia per l’agricoltura e il movimento terra con sedi a Frassinoro e Fanano sull’Appennino modenese, sintetizza così l’andamento dell’anno che sta per chiudere. «I numeri saranno dettagliati nei primi giorni di gennaio– prosegue l’imprenditrice -, ma il risultato macro è sicuro, frutto di un aumento del portafoglio ordini, di ottimizzazioni di processo al proprio interno, di importanti investimenti in macchinari e in crescita professionale, anche con l’assunzione di nuovopersonale».

Con tutta l’azienda ha fatto il punto in queste ore, condividendo un successo che, Giovetti ne è convinta, porta l’impronta di ciascuno dei suoi collaboratori, «perché siamo tutti indispensabili, siamo tutti componenti di Trenton e Trenton non sarebbe la stessa senza di voi». L’imprenditrice sottolinea che «è il 2022 è stato un anno davvero inaspettato, abbiamo fatto tanti e costosi investimenti per gli stabilimenti e credo fortemente nella nostra capacità di approcciare il mercato, con la nostra professionalità, esperienza e convinzione».

Nel 2023 «proseguiremo su questa strada – aggiunge – orientandoci su nuovi macchinari, sulla struttura aziendale, intesa anche come formazione delle persone. Trenton, inoltre, si concentrerà sui temi di attualità, quali quelli della parità, anche di genere, della sostenibilità e del profitto, con uno spirito curioso e indomito».

La formazione è stata un capitolo importante nell’anno che sta per concludersi. Iniziato con un percorso di formazione professionalizzante per la creazione dei profili necessari alle imprese del territorio e che non si trovano, è proseguito all’interno dell’azienda con due tappe di formazione per i quadri delle diverse divisioni su valori e identità aziendali. «Aspetti cruciali affinché l’essere parte di un’azienda sia esso stesso fattore di crescita e di competitività», osserva Giovetti.

Pur viaggiando per quattro continenti, Trenton continua a restare saldamente ancorata al proprio territorio, non solo con i suoi stabilimenti produttivi in montagna, ma anche con l’attenzione costante per tante iniziative che rendono quelle aree comunità «accoglienti, creative e solidali». Perciò Trenton ha adottato 21 alveari sostenibili  e gestiti secondo i criteri dell’apicoltura biologica donandoli a ogni donna che opera in azienda; a Natale ha aderito alla campagna a favore della ricerca sulla fibrosi cistica; supporta lo spettacolo «Galappennino» che in programma il 7 gennaio al palaghiaccio di Fanano con le stelle del pattinaggio. Ha partecipato economicamente alle iniziative dei Comuni in cui sono attivi i propri stabilimenti e ha sostenuto la scuola di musica di Frassinoro e il conservatorio di Spilamberto, erogando borse di studio alle nuove generazioni, «perché, oltre che di trattori, il mondo ha bisogno anche di bellezza», conclude l’imprenditrice Giovetti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here