Banche: è necessario un nuovo approccio nella gestione delle sofferenze sui mutui delle famiglie

456

“La cartolarizzazione a valenza sociale costituisce per il sistema bancario una nuova soluzione, efficace e socialmente responsabile, per chiudere tempestivamente i crediti considerati non più gestibili e dare continuità alle relazioni con la propria clientela. Il sistema bancario deve individuare nuove modalità di gestione degli incagli e delle sofferenze sui mutui alle famiglie, modalità alternative tanto ai lunghi e costosi sistemi di recupero tradizionali quanto alla difficile gestione massiva di rinegoziazioni individuali delle condizioni di mutuo”. Lo ha detto Gianfranco Dote, CEO di Save Your Home, nel corso della presentazione dell’Osservatorio SalvaLaTuaCasa realizzato da Nomisma per Esdebitami Retake. “La prevedibile, consistente crescita dei portafogli bancari di mutui alle famiglie in incaglio o sofferenza, che emerge dall’analisi dei dati dell’Osservatorio – ha aggiunto Dote – rappresenta un’opportunità interessante per investitori qualificati. L’investimento negli strumenti finanziari, emessi da società di cartolarizzazione a valenza sociale, infatti, rappresenta una nuova soluzione di investimento immobiliare ESG, con un rendimento etico e un profilo di rischio contenuto, adatto anche a fondi istituzionali”.

Per Luigi Ursino, responsabile dell’area benefit di Save Your Home, quanto emerge dall’Osservatorio “conferma la bontà della nostra scelta di proporre soluzioni stragiudiziali alle crisi da sovraindebitamento, aiutando un numero sempre maggiore di famiglie ad intraprendere un percorso che consenta loro la esdebitazione e la re-inclusione nel sistema creditizio. Un impegno che guarda alla “sostenibilità” delle scelte come il valore che ci caratterizza per la nostra natura di società benefit”.

“125.000 immobili all’asta nel 2022 e 17,4 mld di euro tra mutui ipotecari deteriorati e cartolarizzati: si tratta di numeri che avvalorano il nostro impegno di offrire una soluzione sistemica che si ponga come alternativa alla tradizionale gestione in via giudiziale delle sofferenze ipotecarie. La cartolarizzazione a valenza sociale che portiamo avanti consentirà a migliaia di famiglie di non vedere svenduta la propria casa in asta, e con essa il valore dei sacrifici di una vita”, ha concluso.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here