400 mila euro per uno studio sull’Epilessia

286

“Lo stato epilettico è una urgenza neurologica caratterizzata da una eccessiva durata dell’attività epilettica cerebrale. Questa condizione può essere causa di alterazioni molecolari e cellulari, che possono determinare un danno cerebrale irreversibile. Per questo la Regione ha destinato 400 mila euro per un progetto di ricerca”: lo comunica l’assessore alla Sanità Filippo Saltamartini. Si tratta di 400 mila euro in tre anni che il Ministero della Salute ha assegnato alle Marche.

Il progetto si chiama PREDICT (The PRognosis Of Status Epilepticus: exploring the role of NeuroDegeneration and Inflammation on ChronicouTcome), al bando ha partecipato la ricercatrice neurologa Simona Lattanzi dell’Azienda Ospedaliero Universitaria delle Marche con la quale la Regione ha stipulato una convenzione.

Lo studio, della durata di tre anni, prevede il reclutamento di 200 pazienti che verranno valutati durante e dopo la fase di ospedalizzazione con il coinvolgimento di specialisti neurologi, neuroradiologi, tecnici di neurofisiopatologia e rianimatori. I pazienti verranno sottoposti ad analisi laboratoristiche, indagini elettroencefalografiche e neuroradiologiche e valutazioni globali, cognitive e della qualità di vita. L’obiettivo è quello di descrivere gli esiti funzionali dei soggetti con stato epilettico a breve e lungo termine per i quali i dati di letteratura attualmente disponibili sono molto limitati. Inoltre, sarà possibile valutare l’associazione fra caratteristiche clinico-demografiche e recupero funzionale ed identificare così i principali fattori pertinenti alla prognosi.

“Una migliore caratterizzazione delle conseguenze per la salute che lo stato epilettico può determinare – sottolinea l’assessore – potrebbe risultare molto utile per definire il miglior percorso clinico-assistenziale per ogni soggetto con stato epilettico e riuscire nel futuro a sviluppare strategie per prevenirle”.

Il finanziamento prevede fasi di avanzamento del progetto con diverse tranche di erogazione: 200 mila euro all’avvio delle attività progettuali; 135 mila euro dopo la trasmissione della relazione intermedia, prevista al 18° mese ed a seguito della valutazione positiva da parte del Ministero; 80 mila euro dopo aver trasmesso, entro 60 giorni dalla conclusione del progetto, la relazione finale di ricerca.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here