Alluvione 2022, la Regione eroga alle famiglie e alle imprese interessate 2 milioni di contributi per i danni alle auto e ai furgoni persi

211

Sono stati erogati, in questi giorni, i contributi alle famiglie e alle imprese per i danni subiti alle auto e ai furgoni a seguito dell’alluvione del 2022. Erano stati stanziati infatti – dalla Giunta Acquaroli – 2,5 milioni di fondi regionali nell’ultima legge di bilancio, per poter avviare questo provvedimento mai adottato prima d’ora nell’ambito di una calamità. Sono state ammesse 676 domande pervenute dalle famiglie e 87 dalle imprese. Di queste, sono state subito indennizzate 614 richieste alle famiglie e 75 alle imprese, per somme oltre i 2 milioni di euro. Le istanze delle domande non immediatamente ammissibili (62 nuclei familiari e 12 aziende) sono comunque in fase di perfezionamento, secondo le integrazioni richieste dalla protezione civile, e la somma rimanente verrà liquidata agli interessati non appena possibile. Il presidente Francesco Acquaroli, commissario per l’emergenza alluvione, ricorda che il provvedimento, “oltre a essere una misura di ristoro necessaria per indennizzare lavoratori e aziende che hanno perduto il proprio mezzo, rappresenta anche un provvedimento che viene adottato per la prima volta e con risorse tutte regionali, in quanto la normativa nazionale non prevede indennizzi della Protezione Civile per gli autoveicoli perduti a seguito di un’alluvione. Continueremo a essere vicini ai cittadini e alle istituzioni – sottolinea ancora Acquaroli – garantendo gli interventi necessari per la ripresa delle comunità colpite dall’evento alluvionale”. “Con l’approvazione del decreto di pagamento – ha aggiunto l’assessore regionale alla Protezione civile, Stefano Aguzzi – sarà disponibile nei conti correnti dei cittadini, che a seguito dell’alluvione hanno dovuto abbandonare la propria automobile perché inutilizzabile, il contributo di ristoro che la Regione Marche ha messo a disposizione. È una novità importante: la Regione affianca le famiglie e imprese indennizzando un bene che oggi, più che mai, risulta essere primario per moltissime persone”.  Complessivamente sono pervenute alla Regione Marche 778 richieste da parte delle famiglie e 135 dalle imprese. Agli esclusi, per mancata rispondenza ai requisiti previsti per accedere al contributo, sono state fornite le motivazioni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here