Ennesimo aumento dei tassi, denaro sempre più costoso

407

“La decisione della Bce di intervenire ancora sul costo del denaro in Europa attraverso un nuovo aumento dei tassi di interesse di 25 punti base era già stata in buona parte scontata dai mercati. L’Euribor a un mese è infatti passato dal 3,21% del primo di giugno al 3,47% del 24 luglio mentre l’Euribor 3 mesi dal 3,46% al 3,71%. Questo nuovo intervento sul costo del denaro avrà dunque ripercussioni abbastanza limitate sulle rate dei mutui. Nel caso di un finanziamento ipotecario da 100.000 euro, un aumento dello 0,25% comporta infatti un un aumento della rata mensile che va dai 12 euro per le durate medio/brevi ai 14 euro per le durate più lunghe.

Per il futuro, è difficile fare previsioni sull’andamento del costo del denaro in Europa. Tutto dipenderà dalla capacità della Bce di contenere le pressioni inflazionistiche raffreddando la corsa dei prezzi. Le ultime dichiarazioni dei vertici del consiglio direttivo di Francoforte sembrano però orientate verso una stabilizzazione dei saggi sui livelli attuali per un periodo di tempo sufficientemente lungo per trasmettere pienamente tutti gli effetti della politica monetaria, come ha fatto sapere nei giorni scorsi il governatore della Banca di Francia, Francois Villeroy de Galhau”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here