Sistema energetico: in calo prezzi, consumi ed emissioni

379

L’analisi del 1° semestre 2023 del sistema energetico italiano, condotta dall’ENEA, evidenzia un nuovo calo di consumi (-5%) e di emissioni (-9%), una crescita delle rinnovabili e una risalita dell’ISPRED, che misura la transizione energetica del nostro Paese, per effetto della contrazione dell’impiego di carbone e delle produzioni energivore e alla diminuzione dei prezzi di elettricità e gas

È quanto emerge dall’aggiornamento del I e II trimestre 2023 dell’Analisi del sistema energetico italiano, condotta dall’ENEA nell’ambito dell’obbligo di svolgere attività di monitoraggio della transizione energetica, previsto dal 2017 per gli Stati membri dell’UE, che valuta le tendenze relative alle 3 dimensioni della politica energetica: decarbonizzazionesicurezza costo dell’energia (trilemma energetico).

La flessione dei consumi riguarda in primo luogo il settore civile (-12%), principalmente per effetto del minor impiego di gas per il riscaldamento, come conseguenza delle misure amministrative e di efficienza adottate, ma soprattutto per il clima eccezionalmente mite dei primi mesi dell’anno, a gennaio in particolare – spiega Francesco Gracceva, che cura l’Analisi del sistema energetico italiano – Anche l’industria ha registrato una riduzione dei consumi (-10%), determinata in particolare dal calo fino al 20% della produzione nei settori gas intensive (cui consumi energetici risultano ormai inferiori di oltre il 5% rispetto a quelli del 2020. Crescono invece i consumi dei trasporti (+3%), con un incremento concentrato quasi tutto nel primo trimestre 2023 e un progressivo ritorno ai livelli pre-pandemia”.

In termini di fonti energetiche, alla riduzione dei consumi di gas (-16%) e carbone (-15%) ha fatto da contraltare un deciso aumento dell’import di elettricità (+22%). In crescita le rinnovabili elettriche (+5%), con una quota complessiva delle fonti rinnovabili sui consumi finali che si prevede possa a fine 2023 superare il massimo storico del 2020 (20,4%): “anche se la traiettoria verso il nuovo target del 40% al 2030 richiederebbe una crescita molto più marcata”, commenta Gracceva.

Secondo le stime ENEA, le rinnovabili elettriche non programmabili (eolico e solare) hanno fatto registrare nella fascia oraria 13-15 del 10 aprile (giorno di Pasquetta) un nuovo massimo storico con la copertura di oltre l’80% della domanda.

Nel primo trimestre, la diminuzione dei consumi energetici in Italia è stata in linea con quella dell’eurozona, sempre per il clima mite e la fase di debolezza delle economie. Anche in Europa, infatti, il PIL è diminuito soprattutto a causa della flessione dell’attività manifatturiera, particolarmente marcata nei settori ad alta intensità di gas.
Alla riduzione delle emissioni COhanno contribuito nel primo trimestre 2023 sia i settori ETS-EU (generazione elettrica e industria energivora) che non-ETS (civile, trasporti, agricoltura, rifiuti e piccola industria).

Nel secondo trimestre, diversamente, il calo si è concentrato principalmente nei settori ETS (-19%), in particolare per il minor impiego di carbone nella generazione elettrica (-60%) e per l’aumento delle importazioni di elettricità (+4%) e delle rinnovabili elettriche (+9%), oltre alla già forte flessione delle produzioni energivore – aggiunge Gracceva – La contrazione delle emissioni nel periodo aprile-giugno 2023 è invece divenuta marginale nei settori non ETS (-2%), a conferma del fatto che, al netto del calo dei consumi invernali di gas, nei settori civile e trasporti non sembrano esserci in atto dinamiche virtuose”.

Dopo una lunga serie di variazioni negative e pur rimanendo vicino al minimo della serie storica, torna a migliorare l’indice ISPRED (Indice SicurezzaPRezzi dell’Energia e Decarbonizzazione) elaborato da ENEA per misurare l’andamento della transizione energetica nel nostro Paese, con un +14% rispetto al primo trimestre dell’anno, grazie al miglioramento della componente decarbonizzazione (contrazione dell’impiego di carbone e delle produzioni energivore) e alla diminuzione dei prezzi di elettricità e gas, che rimangono comunque ancora ampiamente superiori alle medie di lungo periodo.

Secondo le valutazioni preliminari fatte da ENEA – conclude Gracceva – nel primo semestre dell’anno il prezzo medio dell’elettricità per un’impresa con consumi medio-bassi è stato di poco inferiore a 300 €/MWh (-15% rispetto al secondo semestre 2022), mentre si stima che il prezzo medio del gas sia tornato nel primo semestre 2023 ben al di sotto dei 100 €/MWh (-30% rispetto al record della seconda parte del 2022)”.

Sul lato della sicurezza energetica, il contenimento dei consumi di gas ed elettricità ha garantito nell’inverno trascorso margini di capacità accettabili sia nel sistema gas sia nel sistema elettrico. Nel periodo agosto 2022-marzo 2023 i consumi di gas sono stati inferiori di circa 10 mld di m3, -18% rispetto alla media 2017-2022, dunque oltre il target UE del -15%.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here