Si avvia alla seconda fase la business plan competition Nuove Idee Nuove Imprese

435

Si avvia alla seconda fase la business plan competition Nuove Idee Nuove Imprese. Concluse le prime 16 ore di formazione in aula, che hanno fornito ai concorrenti gli strumenti di base per affrontare il processo di sviluppo dell’idea imprenditoriale, e dopo una prima scrematura a seguito della presentazione delle sintesi delle idee imprenditoriali, i progetti valutati meritevoli accederanno al secondo corso, incentrato su formazione e coaching per redigere il business plan, che condurrà alla selezione dei gruppi finalisti.

Un lavoro non semplice, quello a cui è chiamato il Comitato Tecnico Scientifico, che da anni passa al vaglio le idee imprenditoriali riuscendo a coglierne gli ingredienti del successo. Ci ha visto giusto, per esempio, lo scorso anno, decretando la vittoria della società Mariscadoras srl con il progetto Blueat, la pescheria sostenibile, a cui è andato il primo premio di 10.000 euro. Un gruppo composto da cinque ragazze che hanno pensato di stimolare il consumo delle specie aliene che si stanno diffondendo nel Mediterraneo a causa dei cambiamenti climatici, a cominciare dal granchio blu.

La startup riminese sta avendo un grande successo, anche mediatico, in seguito alla recente spedizione del primo container da 15,75 tonnellate di Granchi blu semilavorati, diretti a Miami. Negli Usa, infatti, i crostacei che stanno devastando la fauna e le reti da pesca delle coste italiane sono ricercatissimi.

“Il percorso di Nuove Idee Nuove Imprese è stato molto utile – dice Carlotta Santolini, una delle co-fondatrici del progetto-. Ci ha insegnato a rapportarci con gli altri, a lavorare in team e anche a parlare in pubblico. La vittoria è stata fondamentale perché, essendo una startup appena avviata, avevamo necessità di lanciarci e, soprattutto nella prima fase, ci ha molto aiutato”.

SOCI E PARTNER

Il concorso Nuove Idee Nuove Imprese è realizzato grazie al sostegno economico, tecnico-scientifico, logistico ed organizzativo dei Soci: Fondazione Cassa di Risparmio di Rimini, Camera di Commercio della Romagna Forlì-Cesena e Rimini, SUMS Società Unione Mutuo Soccorso della Repubblica di San Marino, Confindustria Romagna, Uni.Rimini SpA – Società Consortile per l’Università nel riminese, Agenzia per lo Sviluppo Economico – Camera di Commercio della Repubblica di San Marino, Associazione Nazionale dell’Industria Sammarinese, Università degli Studi della Repubblica di San Marino, San Marino Innovation.

L’iniziativa beneficia del contributo economico di RivieraBanca, Deloitte & Touche SpA., Studio Skema e Crèdit Agricole che forniscono anche sostegno didattico e tecnico-scientifico.

Importante anche il supporto dei partner Cesena Lab, Romagna Tech, Soroptimist Rimini, ART-ER, Tecnopolo di Rimini, Prospectra, Fattor Comune, Simple Networks e Zeitgroup.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here